Sole 24 ore, Miranda: “Disoccupazione e crisi pecche principali della Capitanata”

Il Presidente AQV Miranda: “A Foggia la maglia nera per Qualità della Vita. Basta accettare tacitamente, è necessario avviare subito sinergie tra enti e strategie di sviluppo”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

luigi miranda-2"Nell’indifferenza generale di tutti, la città di Foggia conquista ancora una volta la maglia nera nella classifica pubblicata oggi dal Sole 24 Ore, dedicata alla Qualità della Vita sul territorio. Siamo in sostanza il fanalino di coda nazionale in tutte le aree analizzate: tenore di vita, affari e lavoro, servizi, ambiente, salute, popolazione, ordine pubblico e tempo libero.

E’ una città, la nostra, che ha perso totalmente la fiducia in se stessa, senza più punti di riferimento, totalmente alla deriva, senza controllo, sicurezza, ordine, pulizia e lavoro!

Foggia già nel 2010 occupava il penultimo gradino. Quest'anno completa la discesa con piazzamenti tra l'82° e il 106° posto in tutte le sei aree di indagine. In particolare sul fronte dell'Ordine pubblico è ultima assoluta per le estorsioni e terzultima per l'incidenza dei furti di automobili, che risulta quasi cinque volte la media nazionale – cita il quotidiano economico Il Sole 24 Ore.  Analizzando i singoli parametri, la provincia pugliese è in affanno ad esempio nell'occupazione femminile e dei giovani dai 25 ai 34 anni (19% e 45% i rispettivi tassi) e sui tempi della giustizia civile, sul Pil (pari a 16mila euro pro capite, la metà di Bologna) e i consumi pro capite (718 euro, contro una media di 1.079 euro).

“Disoccupazione e crisi economica, sono queste le maggiori pecche della nostra provincia, una provincia che non decolla, con un livello di disoccupazione che sta raggiungendo i massimi storici - afferma il Presidente AQV Miranda – E’ un territorio che da anni assiste inerme al fenomeno della ‘fuga dei cervelli’, di giovani che abbandonano il Mezzogiorno perché ostacolati da difficoltà di varia natura, come le lungaggini burocratiche, l'incompetenza delle istituzioni, che in alcun modo creano nuove occasioni di sviluppo, e che anzi fanno sì che quel rilancio e quello sviluppo siano sempre più lontani.

E’ una Capitanata lontana da prospettive ottimistiche, anche e soprattutto a causa di una sempre più forte carenza infrastrutturale, che la terrà ancora per molto fuori da ogni rotta commerciale, difficilmente raggiungibile da possibili investitori esterni interessati a creare qualcosa di nuovo e positivo a livello imprenditoriale, e costretta a rimanere chiusa nel suo piccolo guscio territoriale, senza possibilità di esportare e mettere in vetrina le proprie ricchezze e peculiarità! E’ per questo che l’Associazione Qualità della Vita intende tenere alta l’attenzione sull’argomento, e ribadire ancora una volta il proprio disappunto per l’ingiusta chiusura dell’aeroporto di Foggia, una decisione che comporterà l’inevitabile conseguenza di un declassamento del territorio a livello imprenditoriale e turistico. Di tutto questo se ne parlerà nel convegno organizzato per mercoledì 7 dicembre, presso la sala del Tribunale di Palazzo Dogana.

E' necessario ora, e non domani, reagire, senza demordere né abbattersi, e pensare di creare finalmente una sinergia e connessione tra tutti gli enti della nostra provincia, per avviare nuove politiche finalizzate all'occupazione dei giovani, allo sviluppo, e alla sicurezza di tutti” - conclude Miranda."

 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento