Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ripresa difficile delle palestre, fatturato in calo e maggiori costi. E ora c'è l'incubo Dpcm: "C'è un po' di paura"

Una boccata d'ossigeno dopo il lockdown, ma anche cali di incassi e paura per una possibile nuova chiusura delle palestre. La situazione spiegata dal titolare della New Life di via Isonzo, Matteo Tosques

 

Per le palestre l'incubo Dpcm resta. In quello del 18 ottobre il premier Giuseppe Conte le ha risparmiate, ma nel corso della conferenza stampa, rivolgendosi indirettamente ai gestori, ha dato loro sette giorni di tempo per adeguarsi ulteriormente alle misure anti-contagio ma soprattutto per dimostrarne l'efficacia. 

C'è la paura dei titolari, ma anche degli utenti. In tutto questo il fatturato è in calo e i costi di gestione sono aumentati.

E' quanto dichiara Matteo Tosques, titolare della New Life di via Isonzo: "Il nostro fatturato è sceso di almeno un 60% a settembre, a ottobre anche del 70%".

Ed ora, nonostante tutti gli sforzi messi in campo, un nuovo decreto potrebbe compromettere il futuro, non solo delle palestre, ma anche e soprattutto dei dipendenti: "C'è paura di un nuovo Dpcm ma noi abbiamo fatto tutto il possibile. Il problema è anche dei miei collaboratori che si troverebbero fermi senza poter lavorare, senza poter avere una retribuzione" spiega.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento