Emiliano pronto a chiudere 25 ospedali, “pur di non aumentare le tasse”

7,1 miliardi di euro del Fondo Sanitario Nazionale andranno alla Regione Puglia. Per il governatore pugliese bisogna ridurre le spese per non mettere altre tasse

Michele Emiliano

Mentre la conferenza delle Regioni ha dato il via libera al ripartizione dei fondi per la Sanità, a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio24, Michele Emiliano si dice pronto a chiudere anche 25 ospedali pur di non aumentare le tasse ai cittadino: “Dobbiamo assolutamente ridurre le spese, non c’è alternativa”.

Ammonta a 7,1 miliardi di euro - dei 107 miliardi complessivi - la cifra del Fondo Sanitario Nazionale 2015 destinata alla Regione Puglia. Il governatore pugliese ha però precisato: “Non significa che li chiuderemo senz’altro, ma sono disponibile a farlo, perché non si possono mettere altre tasse”

Il primo a commentare le dichiarazioni di Emiliano è stato il consigliere regionale di Forza Italia, Nino Marmo. "Discuta con la commissione Sanità ed il Consiglio regionale sulla base di proposte altamente documentate. Basta dichiarazioni improvvisate sulla chiusura degli ospedali. Bisogna decidere con cognizione evitando di essere frettolosi. La fretta è sempre cattiva consigliera. Se è vero che vuole utilizzare il metodo della partecipazione la smetta di fare dichiarazioni che anticipano scelte precostituite e per questo arbitrarie!”

Gli fa eco il collega di partito Damascelli: “Apprendiamo che, dopo i primi annunci e le successive smentite, Emiliano torna a paventare la chiusura di decine di ospedali nella nostra Regione. Stavolta, trincerandosi dietro l'alibi dell'aumento delle tasse. Ora, non siamo del partito della polemica ad oltranza, ma né i cittadini né noi abbiamo l’anello al naso: se Emiliano si prepara a chiusure dolorose e accampa scuse per farlo, non utilizzi strumentalmente l’argomento delle tasse. Quelle, come sosteniamo da sempre, deve già ridurle con un taglio serio a sprechi intollerabili utili soltanto al clientelismo elettorale”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Queste le parole del presidente del gruppo Oltre con Fitto, Ignazio Zullo: "Nel riaffermare la necessità di ridurre le tasse anche a costo di chiudere anche 25 ospedali, il presidente Emiliano certifica che l’allora presidente Fitto stava operando nella giusta direzione e che in questi dieci anni la politica sanitaria targata Vendola ha prodotto danni ulteriori, perdendo tempo prezioso ma soprattutto tassando e tartassando i pugliesi con ticket e superticket. Emiliano, però sbaglia nell'essere così irruento, non si può agire di impeto. Nelle emergenze non aiutano le dichiarazioni roboanti ma la chiamata a raccolta per poterle affrontare nel migliore dei modi, perché il fine ultimo della sanità è quello di tutelare la salute della collettività pugliese. Fitto nel riorganizzare gli ospedali riorganizzava l'intero servizio sanitario regionale dando vita ai distretti, ai dipartimenti territoriali di prevenzione, di riabilitazione, di salute mentale e delle dipendenze patologiche, all'integrazione socio-sanitaria e, per finire, al 118. Pensare oggi, come fa Emiliano, di chiudere 25 ospedali in una situazione ereditata di sfascio e di carenze significa privare i pugliesi di assistenza in Puglia con il rischio di aumento della mobilità passiva e quindi senza sollievo per la spesa e per le tasse. La sensazione è che, quindi, Emiliano si muova in modo scomposto, rincorrendo le emergenze ma senza una vera visione globale che non può prescindere da una valutazione della tenuta  della Medicina Distrettuale e della prevenzione anche in presenza di un’atavica carenza di organico e dalla necessità di trovare  soluzioni appropriate mediante una proficua integrazione fra il sistema sanitario Pubblico e quello Privato accreditato. Emiliano se non vuole dare retta a me, si rivolga a Rosy Bindi che fin dal 1999 invitava le Regioni a concordare con il Privato accreditato programmi di integrazione con il Pubblico”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento