rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Economia

Cucina Hospice, Cozzoli: “Saranno soddisfatte richieste di diete speciali, cuochi ricollocati”

Le rassicurazioni alle famiglie dei pazienti e ai cuochi, e le precisazioni del commissario straordinario l’avv. Bartolomeo Cozzoli

Con riferimento alle notizie di stampa relative alla chiusura della cucina interna all’Hospice di Foggia, il Commissario Straordinario avv. Bartolomeo Cozzoli, precisa che l’Amministrazione Straordinaria ha come obiettivo primario, al fine di scongiurare l’ipotesi di liquidazione e chiusura del Don Uva, l’equilibrio economico e finanziario delle proprie strutture ospedaliere.

L’Ente, infatti, dichiarato insolvente e salvato dal precipizio nel quale sarebbe caduto nel dicembre 2013, qualora non fosse stato ammesso alla procedura di Amministrazione Straordinaria, versa in una situazione di deficit che deve essere affrontata e risolta evitando così la messa in liquidazione, che comporterebbe delle ingenti perdite, sia in termini di livelli occupazionali che con riferimento alla dissipazione del know how in materia sanitaria maturato negli anni dal nostro personale.

L’attività di risanamento, nonostante la necessità di ottenere economie, viene condotta sempre nel rispetto della salvaguardia dei fabbisogni di assistenza sanitaria e socio sanitaria prestata ai pazienti. Spiace pertanto registrare la strumentalizzazione posta in essere in ordine alla decisione di sostituire l’attuale servizio prestato dall’Ambrosia Technologies S.r.l., con un servizio di catering identico a quello svolto nel reparto Hospice della sede di Bisceglie (che al pari di quello foggiano è considerato un’eccellenza sul territorio).

Quanto alla preoccupazioni delle famiglie sulla qualità dell’assistenza ai propri cari, si assicura che le richieste di diete speciali saranno soddisfatte, così come già oggi avviene per tutti gli altri pazienti ricoverati presso la struttura di Foggia.

Cozzoli puntualizza che qualora istanze specifiche in tal senso non dovessero essere accolte (per ragioni che sfuggono all’Amministrazione Straordinaria) i familiari dei pazienti potranno rivolgersi direttamente alla sua segreteria, che adotterà tutti i provvedimenti che riterrà opportuni.

Relativamente alle legittime istanze avanzate dai cuochi dipendenti della Ambrosia Technologies S.r.l. impiegati nella cucinetta dell’Hospice, si ha ragione di credere che alcuna difficoltà avrà il fornitore a ricollocarli nella cucina centrale del Don Uva di Foggia nell’ambito della propria organizzazione del lavoro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cucina Hospice, Cozzoli: “Saranno soddisfatte richieste di diete speciali, cuochi ricollocati”

FoggiaToday è in caricamento