Centri commerciali chiusi la domenica, sindacati preoccupati "da provvedimento a macchia di leopardo": "Tutti o nessuno"

Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs d'accordo sull'ordinanza emessa dal sindaco Landella, ma esprimono perplessità sulla chiusura dei soli centri commerciali: "La chiusura totale garantirebbe minori possibilità di contagio"

A causa della forte diffusione del coronavirus nell'area del capoluogo dauno, il sindaco di Foggia, Franco Landella, ha disposto, con un’ordinanza, l’obbligo, da domani 25 settembre, di indossare sempre la mascherina all’aperto senza vincoli di orario. Da domenica 27 settembre, inoltre, l’ordinanza stabilisce anche la chiusura al pubblico, nelle giornate domenicali e festive, dei centri commerciali Mongolfiera e GrandApulia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ordinanza è divenuta necessaria dopo il diffondersi, in maniera preoccupante, dei casi positivi. Filcams Cgil Foggia, per voce della Segretaria Angela Villani, Fisascat Cisl Foggia con il Segretario Angelo Sgobbo e Uiltucs Foggia con il Segretario Elio Dota, concordano con l'opportunità del provvedimento perché tutto deve essere fatto per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, delle lavoratrici e dalla cittadinanza. Esprimono qualche perplessità sul fatto che si sia disposta la chiusura solo dei centri commerciali suddetti e non degli altri punti vendita particolarmente del settore alimentare. I sindacati hanno raccolto le rimostranze degli esercizi commerciali operanti nelle gallerie di Mongolfiera e GrandApulia che potrebbero essere danneggiati, dal punto di vista degli incassi e del volume di affari, da chiusure a macchia di leopardo e non generalizzate. C'è anche viva preoccupazione per le ripercussioni in campo occupazionale che i mancati introiti potrebbero generare. I segretari concludono osservando che una chiusura totale, nelle domeniche e nei festivi, da sempre auspicata dalle organizzazioni dei lavoratori, garantirebbe minori possibilità di contagio da coronavirus per i/le dipendenti e per l'intera popolazione. Ci si augura che le Istituzioni collaborino per l'azzeramento delle disparità tra operatori commerciali e per la tutela dei lavoratori di tutti i punti vendita della città di Foggia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento