A Cerignola, Tari al -30% per le attività chiuse durante il lockdown. Soddisfatto il PD: "Ma ora si pensi alle famiglie in difficoltà"

Questa riduzione, pari al 30% e corrispondente al periodo di chiusura, è stata riconosciuta dalla commissione prefettizia. Ecco quali categorie merceologiche potranno beneficiare dello sgravio

Immagine di repertorio

Le attività commerciali di Cerignola chiuse a causa del lockdown potranno ottenere la riduzione della parte variabile della Tari recandosi agli uffici preposti presso il giudice di pace di Cerignola. Questa riduzione, pari al 30% e corrispondente al periodo di chiusura, è stata riconosciuta dalla commissione prefettizia sulla base di deliberazione dell'Arera (Autorità Nazionale di Regolazione e Controllo del Ciclo dei Rifiuti), ma non è stata inserita negli avvisi di pagamento che sono stati recapitati alle imprese.

Le attività che beneficiano dello sgravio del 30% sono: musei; biblioteche; scuole; associazioni; luoghi di culto; cinema; teatri; campeggi; impianti sportivi; esposizioni; autosaloni; alberghi con e senza ristorante; uffici e agenzie; negozi di abbigliamento; negozi di calzature; librerie; cartolerie; negozi d’antiquariato; negozi di cappelli; negozi di filatelia; negozi di ombrelli; negozi di tappeti; negozi di tende e tessuti; negozi di piante e fiori; parrucchieri; barbieri; estetisti; attività industriali con capannoni di produzione (esclusa la filiera agroalimentare); attività artigianali (esclusa la filiera agroalimentare); ristoranti; trattorie; pizzerie; osterie; birrerie; pub; mense; bar; pasticcerie; banchi di mercato non alimentari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si è così posto finalmente rimedio a una situazione di disagio che aveva creato non poche difficoltà agli imprenditori locali, già alle prese con i gravi problemi causati dall'emergenza Covid-19. Il Partito Democratico di Cerignola esprime la propria soddisfazione per la misura adottata e auspica che venga ora posta attenzione su misure che prevedano riduzioni della Tari per le famiglie con basso reddito, finora escluse da qualsiasi tipo di agevolazione fiscale. Il PD "apprezza che sia stata accolta l'istanza espressa in merito alla semplificazione per l'ottenimento dello sgravio da parte dei commercianti e ha fiducia che i rilievi riguardanti le famiglie cerignolane con basso reddito saranno da essi tenuti in considerazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento