Chiusura Centro di Salute Mentale di Orta Nova

Con la chiusura del CIM a Orta Nova i pazienti si dovranno spostare su Cerignola

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Con stupore apprendiamo l'imminente chiusura del Centro di Salute Mentale di Orta Nova, dove sono tante le famiglie dei 5 Reali Siti (Orta Nova, Carapelle, Ordona, Stornara e Stornarella) che vi si recano per le cure del caso.

Con la chiusura del CIM i pazienti si dovranno spostare su Cerignola, il che aggraverebbe, ulteriormente, i tanti problemi che trovano a dover affrontare quotidianamente.

Questo territorio, peraltro, è già carente di strutture sanitarie come un Pronto Soccorso, servizi primari per effettuare radiografie e/o visite specialistiche per le quali bisogna aspettare mesi nonché il presidio di guardia medica composto da un solo medico che per effettuare le visite domiciliari è costretto a chiudere l'ambulatorio con notevole disagio per l'intera collettività.

Non solo ma per effettuare analisi di laboratorio con prelievi a domicilio ( si pensi alle persone inferme e agli anziani) bisogna aspettare un mese. Se verrà chiuso anche il C I M siamo al completo isolamento dei 5 Reali Siti, tenuto anche conto che alcune figure professionali come lo psichiatra e lo psicologo non sono già più operanti da mesi ed i pazienti sono costretti a recarsi a Cerignola.

La Cisl di Orta nova lancia un appello all' assessore regionale alla Sanità e al direttore generale ASL di Foggia, affinché non solo non venga soppresso il CIM ma venga anche ripristinato il servizio di psichiatria che con le sue figure professionali tanto e bene operava su territorio.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento