3 milioni per i 18 centri antiviolenza sulla donne: ecco il Piano operativo della Puglia

Quattro linee di intervento finanziate con 3 milioni di euro per promuovere azioni di contrasto e consolidare la rete dei servizi

 “Abbiamo voluto dare gambe solide alla battaglia per contrastare la violenza sulle donne. Dopo la legge regionale, sono necessari strumenti concreti per dare attuazione ai propositi e alle indicazioni di legge”. Spiega così il presidente della Giunta regionale Nichi Vendola la scelta della Regione Puglia di approntare un Piano regionale di contrasto alla violenza sulle donne, il cui obiettivo è di dare attuazione alla legge regionale approvata lo scorso anno. “Ad un anno dall’avvio dell’iter del disegno di legge di iniziativa della Giunta Regionale, approvato all’unanimità dal Consiglio Regionale della Puglia nella seduta del 25 giugno 2014, molteplici sono state le attività realizzate per consolidare e potenziare la rete dei servizi territoriali mirata alla creazione di un sistema integrato tra istituzioni e servizi” spiega ancora Vendola.

Quattro le macro azioni previste nel Piano: l’attivazione dell’Osservatorio per il monitoraggio della violenza alle donne e ai minori, la realizzazione di “Programmi antiviolenza” a favore delle donne vittime di violenza, sole o con minori, finalizzati all’accoglienza, al sostegno e all’accompagnamento, tramite percorsi personalizzati, il consolidamento e il potenziamento dei servizi di prevenzione contrasto della violenza di genere previsti dai Piani Sociali di Zona, l’adozione delle “Linee guida regionali in materia di maltrattamento e violenza in danno dei minori”, per garantirne i diritti contro ogni forma di maltrattamento e violenza. Con una dotazione complessiva di 3 milioni di euro, che andranno a finanziare le quattro azioni del Piano regionale di contrasto alla violenza sulle donne, per la prima volta la Regione Puglia fornisce strumenti concreti a tutti i soggetti del pubblico e del privato sociale per consolidare il sistema di servizi a supporto delle politiche regionali di contrasto alla violenza sulle donne.

“Siamo partiti da alcuni presupposti culturali fondamentali – continua Vendola – non si può convivere con la violenza ed è necessario nominarla, guardarla in faccia e far conoscere i diritti per renderli esigibili. Per questo abbiamo agito anche sul contesto, cercando di rompere quel muro culturale che impedisce di vedere la violenza e mettendo in atto politiche pubbliche che guardano trasversalmente al mondo delle donne come una ricchezza fondamentale. Siamo partiti da zero in quest’area delle politiche regionali e in poco tempo abbiamo tessuto una rete fitta, mettendo a valore soprattutto il prezioso lavoro compiuto volontariamente da tante associazioni di donne sul territorio. Sono 18 i centri antiviolenza in Puglia, di cui 10 pubblici, 7 Case rifugio per donne vittime di violenza e 1 Casa rifugio per donne vittime di tratta. L’avviso in scadenza la prossima settimana, il 21 marzo, ha proprio l’obiettivo di sostenere e rafforzare la rete dei centri antiviolenza e delle case rifugio operanti sul territorio regionale per potenziare le forme di assistenza, accoglienza e accompagnamento alle donne vittime di violenza e ai loro figli”.

“Sono dieci anni che facciamo dell’integrazione delle politiche una necessità culturale e di efficacia delle politiche stesse” ha sottolineato la vicepresidente Angela Barbanente, ricordando come già dal 2006 i Piani per la riqualificazione urbana attribuivano una premialità alla qualità dei contesti a misura di bambini e bambine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La necessità di ridefinire un sistema complessivo capace di rilevare e prendere in carico le situazioni di maltrattamento e violenza sui minori – rimarca Rosy Paparella, Garante regionale dei diritti per l’infanzia e l’adolescenza – è alla base del lavoro in corso per la definizione delle Linee guida regionali in materia di maltrattamento e violenza in danno dei minori, con un’attenzione particolare alle nuove forme di violenza (cyberbullismo, adescamento on line etc.) in gran parte nascoste anche in Puglia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento