La Regione censisce le sagre, ma non le maestranze. La Filiera culturale di Foggia: "Non ci volete salvare dal blocco Covid"

I promotori del movimento che conta circa 90 firmatari critici nei confronti del disegno legge presentato dall'Assessore Bray riguardante il censimento del patrimonio culturale inteso come l’insieme dei beni culturali immateriali: "Il mondo della cultura è un patrimonio fatto innanzitutto da persone"

"Abbiamo avuto notizia del disegno di legge regionale presentato dall’Assessore alla cultura Massimo Bray, approvato a fine luglio dalla Regione Puglia, riguardante un censimento del patrimonio culturale, inteso secondo Bray come l’insieme dei beni culturali immateriali, cioè non solo i monumenti, non solo i siti di interesse culturale o storico-architettonico o le collezioni di oggetti antichi o contemporanei, ma anche le espressioni orali, incluso il linguaggio, le arti dello spettacolo, le pratiche sociali, i riti e le feste.

In quanto Filiera Culturale della città di Foggia, movimento con circa novanta firmatari del noto documento “La Filiera Culturale deve sopravvivere al Covid, ad ogni costo” del 14 aprile (con sostenitori di rilievo nazionale come Andrea Chimenti, Pierpaolo Capovilla, Renzo Arbore, Gaudiano, Valentino Corvino e molti altri), ci chiediamo che fine abbia fatto la nostra proposta di censimento capillare di tutte le realtà del comparto culturale sul territorio e temiamo che l’amministrazione della Regione Puglia non abbia ancora compreso che, dopo diciannove mesi di crisi del comparto, non sarà certo l’estate dei concerti, delle sagre e degli spettacoli finanziati con fondi pubblici a salvarci tutti. Potrà aiutare una parte, ma non chi non sale su un palco pur lavorando nel comparto o chi è ancora inibito al lavoro estivo e all’aperto", dichiarano Marco Maffei e Salvatore Imperio, tra i promotori del documento della filiera. 

"Diciannove mesi di pandemia da Covid-19 hanno infatti fermato tutta la produzione culturale ed artistica italiana, e molte Regioni e Comuni non hanno ancora compreso che avrebbero già dovuto procedere a censimenti capillari territoriali di tutte le maestranze della cultura, duramente colpite nei propri equilibri esistenziali e di mercato reale, a causa dei blocchi lavorativi imposti dai governi per il Covid19. I censimenti erano e restano fondamentali per individuare chi è rimasto colpito in modo irreversibile dal blocco e per provvedere a salvarlo prima del suo fallimento incolpevole.

Dopo essere stati finalmente ascoltati in VI Commissione Cultura della Regione Puglia il 23 giugno, alla presenza del direttore di dipartimento Economia della Cultura Aldo Patruno, nulla si è più mosso, sommando questo nulla alle precedenti non risposte della Regione da maggio 2020, ovvero sin dalla nostra prima istanza ad Emiliano – dichiara Marco Maffei – Il direttore Patruno, il 23 giugno, ci ha chiaramente garantito un ampliamento del portale regionale Dms (Digital Management System), in modo da poter finalmente includere e censire anche tutte le oltre cinquanta tipologie di aziende, professionisti e singoli lavoratori della cultura che operano o che operavano prima della crisi Covid. Egli ci ha promesso anche una modalità di interlocuzione efficiente fra la Regione e noi della Filiera, che possa far tesoro delle esperienze e puntare al bene comune. Purtroppo, oltre alle parole, null’altro è accaduto”.

Aggiunge Salvatore Imperio: “Temiamo che questa legge regionale di Bray, in assenza di elementi fattivi e di azioni ben più urgenti, venga fuori da una distorsione consapevole della nostra richiesta di censimento capillare di persone, che è stata volutamente trasformata in un censimento di sagre ed eventi, come se i problemi dei blocchi lavorativi possano essere messi a confronto con le stesse. Tutto ciò ci sembra alquanto curioso, soprattutto in assenza del dialogo e dei fatti promessi”.

Il primo dei tre obiettivi della Filiera era ed è tuttora far partire un censimento capillare regionale e comunale, quali precursori e modelli di un lavoro che da qui a dodici mesi sarà presumibilmente obbligatorio, come da comunicazione del 10 Giugno 2021 da parte dei ministri Franceschini e Orlando. Le diverse esposizioni avvenute proprio in Parlamento del Documento dalla Filiera Culturale, sin da aprile ne hanno caratterizzato i meriti e la possibilità di attuazione, ma dalla Regione Puglia e dal Comune di Foggia non ci siamo sentiti compresi affatto.

"Nella città di Foggia abbiamo fatto una assemblea pubblica l’8 maggio, una manifestazione il 18 maggio per reclamare una doverosa azione dal nostro Comune, con un incontro con il dirigente Carlo Dicesare, che pur avendo lasciato immaginare un seguito utile alla causa, nei fatti non ha portato a nulla. Prima ancora, abbiamo avuto due audizioni in commissione cultura del Comune di Foggia (recentemente sciolto per infiltrazioni mafiose). Abbiamo fatto due richieste di incontro con il commissario prefettizio Magno, senza ricevere alcun riscontro.

Con la Regione abbiamo avuto anche un incontro con gli assessori regionali Piemontese e Bray, ma constatiamo in generale un certo immobilismo delle istituzioni comunali e regionali. Ci chiediamo se esiste uno stato di diritto che finalmente dimostri intelligenza e che tuteli i lavoratori che, come noi, hanno visto il loro futuro andare in frantumi a causa di un blocco lunghissimo e imposto dall’alto".

"Il mondo della cultura - concludono i promotori della filiera - non dovrebbe mai essere un giocattolo in mano alle istituzioni, ma un vero e proprio patrimonio fatto innanzitutto da persone, formato dalla creatività di esseri umani e, solo successivamente, di sagre e linguaggi. Censire gli ultimi senza capire chi è davvero in pericolo da quasi due anni, significa ignorare la vera causa di un grave problema che è già da tempo sotto gli occhi di tutti. Il ministro Franceschini, dal recente G20 sulla cultura tenutosi a Roma, ha dichiarato: “La cultura è un grande fattore di crescita e opportunità economica per le nuove generazioni e categorie più vulnerabili. Ora se ne riconosce il suo valore economico”. Una tale affermazione deve essere rappresentata da azioni adeguate su tutti i territori regionali e comunali, per salvare noi che viviamo di questo, altrimenti le nuove generazioni non ci saranno affatto. Care istituzioni, volete aiutare davvero chi lavora nella cultura o volete annientarlo?"

Si parla di

Video popolari

La Regione censisce le sagre, ma non le maestranze. La Filiera culturale di Foggia: "Non ci volete salvare dal blocco Covid"

FoggiaToday è in caricamento