Economia Manfredonia

A Manfredonia avviati i cantieri per la fibra ottica: si parte dalla zona Asi

I programmi prevedono la posa dei cavi in fibra ottica utilizzando anche nuove tecniche di scavo non invasive per collegare 96 armadi stradali alle rispettive centrali, raggiungendo un bacino di oltre 23mila unità immobiliari

La fibra ottica arriva a Manfredonia: il Comune sipontino e la Tim hanno avviato i cantieri in città per rendere così disponibili servizi innovativi a cittadini e imprese. I programmi prevedono la posa dei cavi in fibra ottica utilizzando anche nuove tecniche di scavo non invasive per collegare 96 armadi stradali alle rispettive centrali, raggiungendo un bacino di oltre 23mila unità immobiliari.

L’iniziativa presentata questa mattina rientra nell’ambito del Bando Puglia, emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso Infratel, per realizzare una rete a banda ultralarga - con velocità che vanno da 30 a 100 Megabit al secondo - in 148 comuni entro il primo semestre 2016. L'investimento complessivo in regione è di 95 milioni di euro, di cui 61,7 milioni di finanziamento pubblico e 33,3 milioni a carico di Telecom Italia

Ad illustrare il progetto, il sindaco Angelo Riccardi e il responsabile Creation Puglia di Telecom Italia, Fulvio Baldassarre. Telecom Italia si è aggiudicata, infatti, il Bando per la Regione Puglia emesso dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso la società Infratel e approvato dalla Commissione europea, che prevede un finanziamento pubblico di 61,7 milioni di euro grazie all’utilizzo dei fondi europei FESR, a cui si aggiungono 33,3 milioni di euro di investimento da parte di Telecom Italia per la realizzazione di nuove infrastrutture ottiche passive che abilitano le reti NGAN (Next Generation Access Network).

Nell’ambito di questo programma, Manfredonia è tra i più importanti comuni della Puglia dove è in corso la realizzazione della rete ultrabroadband di nuova generazione. Le 26 sedi della Pubblica Amministrazione (scuole, istituzioni, FF.OO.) presenti in città saranno collegate a 100 Megabit al secondo. Per ridurre i disagi ai cittadini e rispettare il programma delle attività di scavo, TIM sta utilizzano tecniche e strumentazioni innovative a basso impatto ambientale che minimizzano i tempi d’intervento, l’area occupata dal cantiere, l’effrazione del suolo, il materiale asportato e il deterioramento della pavimentazione.

Sono infatti previsti circa 12 chilometri di scavi, tutti in minitrincea: solo 200 metri saranno eseguiti con lo scavo tradizionale, mentre 400 metri di cavo saranno posati attraverso la nuova tecnica “no-dig”. “Questa iniziativa ha l’obiettivo di contribuire ad accelerare i processi di digitalizzazione del Paese - ha dichiarato Fulvio Baldassarre - Si tratta di un progetto che dimostra come, grazie alla partnership pubblico-privato e alla fattiva disponibilità delle amministrazioni locali, sia possibile creare condizioni favorevoli alla realizzazione di reti di nuova generazione, anche nei comuni finora non considerati, per ragioni di mercato, dai piani d’infrastrutturazione di tutti gli Operatori”.

“L’aver portato la fibra ottica nel nostro Comune è un risultato davvero importante – ha sottolineato il sindaco Riccardi - soprattutto per un territorio come il nostro, dalla forte vocazione turistica e ricco di attività commerciali che sono costrette a fare i conti con problemi di connessione. Abbiamo chiesto ed ottenuto che si parta dalla Zona industriale e dai Comparti: una scelta per certi versi simbolica, visto che si tratta di due zone che fanno i conti quotidianamente con disagi di vario tipo; ma soprattutto una maniera per colmare il divario, sin troppo accentuato, tra le zone centrali e quelle periferiche della città”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Manfredonia avviati i cantieri per la fibra ottica: si parte dalla zona Asi

FoggiaToday è in caricamento