Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia

Variante 167, Marasco: "Io estraneo, non riscriviamo la storia a colpi di frecciatine"

Il capogruppo de Il pane e le rose: "Sfido chiunque dell’Amministrazione in carica a trovare un solo atto, ascrivibile a mie attività, attinente alle questioni della “167” su cui si è pronunciato il Consiglio di Stato”

“La foga della polemica politica fa perdere l’equilibrio, ma la storia amministrativa non si riscrive a colpi di frecciatine. Sfido chiunque dell’Amministrazione in carica a trovare un solo atto, ascrivibile a mie attività, attinente alle questioni della “167” su cui si è pronunciato il Consiglio di Stato”.

Questa la pronta risposta di Augusto Marasco alla nota polemica diffusa dall’Amministrazione comunale di Foggia in merito alla sentenza di annullamento della variante Zona Peep – 167. “La mia esclusiva preoccupazione, al riguardo, è stata legata al processo di elaborazione del Piano Urbanistico Generale, nel cui alveo ho chiesto che gli uffici provvedessero a risolvere la sovrapposizione tra previsioni che si erano stratificate negli anni del “Piano di Zona 167” e del PIRP “A”.

Continua il capogruppo de Il Pane e le rose: “D’altronde, le questioni esecutive inerenti alla “167 più grande d’Italia” erano di competenza dell’Ufficio di Piano e del Servizio Lavori Pubblici per le tormentate opere di urbanizzazione. Quelle specifiche, su cui ha sentenziato il Consiglio di Stato, erano affrontate congiuntamente da Ufficio di Piano, Servizio Avvocatura e Segreteria Generale. Negli uffici comunali ancora aleggia la risposta netta e scherzosa -conclude - con cui respingevo ogni tentativo di coinvolgermi in attività non più di competenza, in chiave PUG, dell’Assessorato alla Qualità e all’Assetto del Territorio di cui sono stato responsabile dal 2 febbraio 2012 al 14 febbraio 2014”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Variante 167, Marasco: "Io estraneo, non riscriviamo la storia a colpi di frecciatine"

FoggiaToday è in caricamento