Foggia riporta a casa la Stele: 2200 sterline all'asta per il frammento di storia della Daunia

Ad annunciarne, soddisfatto e gioioso, la (ri)conquista è, dal suo profilo Facebook, Giuliano Volpe, presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici e presidente della Fondazione Apulia Felix

La Stele Daunia

"La stele, un frammento di storia torna in Daunia. Appena chiusa l'asta a Londra. E' nostra per 2200 sterline (più diritti e spese spedizione)".

Ad annunciarne, soddisfatto e gioioso, la (ri)conquista è, dal suo profilo Facebook, Giuliano Volpe, presidente del Consiglio Superiore per i Beni Culturali e Paesaggistici e presidente della Fondazione Apulia Felix.

Un risultato reso possibile grazie ad una colletta partita dal basso, nata da un'idea di due giovani - Domenico Sergio Antonacci e Domenico Moretti - il cui appello è stato accolto e rilanciato con entusiasmo dalla Fondazione che ha dato il via ad una raccolta fondi on-line per l'acquisto di una stele daunia, risalente al VII – VI secolo a.C. e conservata a Londra, in vendita in un'asta della casa Bertolami. 

"Ho seguito l'asta on line, in treno, di rientro da Ferrara, salone del restauro e dei musei", confessa. "Per fortuna non c'è stato bisogno di rialzi (ma eravamo pronti a contrastare altre offerte, che per altri pezzi ci sono state eccome!). L'asta si è chiusa con la nostra offerta di 2200 sterline (pari a 2.540 euro)". La stele è alta cm 62, su lastra rettangolare in pietra calcarea, ricomposta in diversi frammenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla stessa pagina del noto social network Volpe pubblica la lista dei donatori che hanno permesso l'impresa. "Abbiamo raccolto finora 1.586 euro con 37 donatori (da un minimo di 1 euro a un massimo di 300). Ora la raccolta deve continuare. Ci sono le spese dei diritti della casa d'asta e quelle di spedizione (700-800 euro). La Fondazione coprirà la quota restante. La vera vittoria è la partecipazione!"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • E' morto Dario Montagano: l'imprenditore sanseverese trovato senza vita in giardino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento