Economia

Qualità di prestazioni e servizi erogati, l'ASL di Foggia avvia la riorganizzazione aziendale

Il Commissario Straordinario Piazzolla: “Percorso propedeutico alla ri-funzionalizzazione dei servizi e delle prestazioni che le strutture devono erogare secondo indicatori di efficacia, efficienza e qualità

“La direzione strategica della ASL di Foggia ha avviato la riorganizzazione aziendale a seguito delle linee guida regionali sulla redazione dell’atto aziendale. Si tratta di un percorso complesso e delicato che seguirà tutti i passaggi istituzionali previsti dalle norme e dai regolamenti regionali”. Così il Commissario straordinario Vito Piazzolla annuncia il percorso che è stato avviato per attuare, nel più breve tempo possibile, questo obiettivo e con la più ampia condivisione possibile con tutti i portatori di legittimi interessi presenti sul territorio.

“Il processo di riorganizzazione – spiega Piazzolla - è anche propedeutico alla ri-funzionalizzazione dei servizi e delle prestazioni che le strutture devono erogare secondo indicatori di efficacia, efficienza e qualità. La fase è particolarmente critica, in quanto uno dei criteri da rispettare è quello economico, relativo alla dotazione organica, che fa riferimento al costo del personale bloccato all’anno 2004 meno l’1,4%. Altri criteri e standard sono quelli previsti dal Decreto Ministeriale n. 70 del 2 aprile scorso sull’assistenza ospedaliera, piuttosto rigorosi e che determineranno scelte fondamentali per il nostro territorio provinciale. Durante il primo incontro con il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano sono state evidenziate tutte le maggiori criticità, gli scenari futuri e le possibili soluzioni.

Il Presidente, con delega alla Salute, ha chiesto a tutti i direttori di derogare alla scadenza già prevista per la redazione dell’atto aziendale ed ha assicurato che seguirà personalmente i lavori legati alla riorganizzazione dell’assistenza territoriale ed ospedaliera fornendo già le prime indicazioni sulle quali concentrare le maggiori attenzioni.

Sono già in atto interlocuzioni con i referenti delle strutture aziendali per elaborare proposte concrete da portare all’attenzione degli Enti Locali. È legittima la preoccupazione delle comunità della Capitanata, ma è importante sottolineare che molte delle notizie diffuse negli ultimi giorni non trovano, al momento, alcuna fondatezza in quanto non fanno parte delle priorità all’esame della Direzione Strategica, né sono il risultato di accordi regionali o locali. Al riguardo, il Presidente Michele Emiliano ha assicurato che ogni decisione sarà ponderata e valutata personalmente. È opportuno, pertanto, che si eviti la diffusione di notizie infondate e non supportate da alcuna decisione di questa direzione strategica in modo da non alimentare inutili tensioni e malumori all’interno della nostra organizzazione e soprattutto nella comunità.

Il primo obiettivo è quello di rendere coerente l’offerta dell’assistenza distrettuale con quella dell’assistenza ospedaliera che, nel caso della Provincia di Foggia, rappresenta alcune importanti criticità da superare in quanto a numero e qualità di prestazioni e servizi erogati.

In pratica, la ASL di Foggia, come del resto tutte le altre, nel computo del numero dei posti letto non potrà prescindere dal contesto provinciale, che, nel caso specifico, conta, oltre ai Presidi Ospedalieri di pertinenza (San Severo-Lucera, Manfredonia e Cerignola), anche gli Ospedali Riuniti di Foggia, Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, nonché le strutture private accreditate.

Una operazione straordinaria di riqualificazione dell’offerta – conclude il Commissario straordinario - coerente con i dati epidemiologici, orografici e demografici che sarà strettamente coordinata dagli organi regionali i quali forniranno le linee guida da seguire”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità di prestazioni e servizi erogati, l'ASL di Foggia avvia la riorganizzazione aziendale

FoggiaToday è in caricamento