Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia

Un'area camper agli Ospedali Riuniti, riservata ai parenti dei ricoverati gravi

I pazienti devono risiedere in un ambito territoriale superiore ai 50 chilometri dalla città di Foggia. L'area è stata ideata grazie alle indicazioni ricevute dalla Federazione Nazionale 'Unione Club Amici'

Verrà inaugurata l’8 maggio l’area camper all’interno degli Ospedali Riuniti di Foggia riservata ai parenti dei ricoverati gravi. L’area, che sarà servita da regolare colonna di carico/scarico e corrente elettrica, è stata ideata grazie alle indicazioni ricevute dalla Federazione Nazionale “Unione Club Amici”, promotrice dell’iniziativa “CAMPERforASSISTANCE” su tutto il territorio europeo.

Nel caso specifico, a seguirne la realizzazione, è stata l’Isernia Camper Club che, attraverso lavoro del socio Rosario Giannasso, già vice presidente del club molisano, che risiede a Foggia. All’evento, organizzato dal commissario straordinario, Tommaso Moretti, parteciperà anche l’assessore alle politiche della salute della Regione Puglia dott.ssa Elena Gentile.

Potranno usufruire dello spazio, fino a tre mezzi, i parenti e gli accompagnatori dei pazienti che risiedono in un ambito territoriale superiore ai 50 chilometri dalla città di Foggia affetti da patologia oncoematologiche, oncologiche, radioterapiche o in degenza ospedaliera portatori di gravissime patologie.

L’azienda ospedaliera-universitaria di Foggia, con questa iniziativa, intende promuovere le relazione umane come valore fondamentale nell’ambito delle pratiche di salute pubblica, impegnandosi a rendere maggiormente accessibili le strutture sanitarie, promuovendo il percorso di umanizzazione della salute, ricercando iniziative capaci di migliorare il contatto umano tra operatore sanitario e utente, per garantire il corretto funzionamento del sistema sanitario consolidando il processo di umanizzazione negli ospedali

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'area camper agli Ospedali Riuniti, riservata ai parenti dei ricoverati gravi

FoggiaToday è in caricamento