Approvato il Rendiconto: disavanzo di 41 milioni. A Foggia c’è un problema riscossione

L’assessore comunale al Bilancio, Sergio Lombardi, dichiara guerra al concessionario al quale è stato affidato il compito di riscuotere la TARES e le sanzioni amministrative pecuniarie

Sergio Lombardi

Dopo il via libera del Collegio dei Revisori dei Conti e della commissione Bilancio, il Consiglio comunale di Foggia ha approvato il rendiconto della gestione esercizio finanziario 2013. L’accapo è stato votato questa mattina dai consiglieri di maggioranza e da una qualificata delegazione dei consiglieri di minoranza: Marasco, Sciagura, Russo, De Pellegrino, Buonarota e Cassitti. Contrario il voto dei consiglieri Di Gioia, Cusmai, Rizzi e Iaccarino.

Rapidissimo l’iter propedeutico alla seduta odierna. Appena il 26 agosto scorso la Giunta licenziava, con profonde modifiche, lo schema di bilancio. Il giorno successivo, la presidenza del Consiglio metteva a disposizione di tutti i consiglieri comunali la documentazione. Il 28 Miranda invitava il Collegio dei Revisori dei Conti ad inviare il loro parere, giunto la mattina del 29 agosto e immediatamente girato via mail e messo a disposizione di tutti i consiglieri. Intanto nei giorni 28 e 29 agosto la Commissione Bilancio – munita di tutta la documentazione necessaria - si riuniva alla presenza dell’assessore al ramo, del dirigente competente e del presidente del Collegio dei revisori, dando parere favorevole al rendiconto di gestione 2013.

Questa mattina, in apertura di seduta, il presidente del Consiglio ha informato che i lavori dell’aula sarebbero stati tradotti nella Lingua Italiana dei Segni (LIS), per rendere accessibile ai sordi i contenuti della discussione. Miranda ha ringraziato il consigliere comunale Antonio Vigiano, legale dell’Ente Nazionale per la Protezione  e l’Assistenza dei Sordi-Onlus, assicurando che nel prossimo futuro – di concerto con la commissione Socio-culturale – saranno interpellate altre associazioni cittadine attive nel campo delle diverse abilità, affinché si possano raccogliere altre idee per rendere i prossimi consigli comunali accessibili a tutti.

La riunione odierna è stata aperta dalla relazione dell’assessore comunale al Bilancio, Sergio Michele Lombardi. “Il conto consuntivo 2013 chiude con un disavanzo di amministrazione pari a 41.335.214 euro, in peggioramento rispetto al 2012 quando era pari ad euro 34.538.081. Tale disavanzo è connotato da un saldo positivo della gestione di competenza pari ad euro 15.274.987, da un saldo negativo della gestione residui pari ad euro 22.072.119 e da un disavanzo inerente gli esercizi precedenti pari ad euro 34.538.081. Ciò implicherà per l’Ente, quindi per il sottoscritto, un ulteriore e difficile problema da affrontare avendo il Piano Finanziario Pluriennale recentemente approvato previsto una copertura del disavanzo pari a quanto registrato nell’anno 2012, cioè 34.538.081,33 euro.

Nel Comune di Foggia, alla fine del 2013, sono stati spesi circa 41 milioni di euro in più rispetto alle disponibilità effettive dell’ente. Tecnicamente questo “buco” è sostanzialmente riconducibile alla non corretta gestione di partite contabili definite residui attivi che in pratica sono crediti non riscossi. Il fatto che non tutti i crediti iscritti a bilancio vengano completamente riscossi nell’anno in cui maturano di per sé non sarebbe un fatto grave; anzi è fisiologico (si pensi ad esempio al gettito delle imposte che in parte vengono pagate in ritardo dai cittadini). Ci si deve preoccupare quando questo fenomeno si incrementa nel tempo: gli anni passano e i crediti che non vengono incassati aumentano sempre di più. E’ ciò che è successo in buona parte nel nostro comune.

I crediti che sono stati iscritti negli anni passati nei bilanci di previsione non si sono trasformati tutti in entrate perché le previsioni non erano realistiche. In sostanza sono stati iscritti come crediti importi che non corrispondevano nel concreto a diritti di credito certi ed eseguibili o/ed ad azioni ed obiettivi che avrebbero consentito all’ente nuove e sicure entrate. Quindi tali crediti non sarebbero mai stati incassati, come, ad esempio, è successo per le alienazioni e per il recupero della evasione tributaria e fiscale. Le spese però sono state fatte sulla base delle entrate ipotetiche, senza che venissero apportati i necessari correttivi: il disavanzo che ci troviamo a gestire si è generato in questo modo.

Il 2013 è stato l’anno della TARES (Tassa Rifiuti e Servizi). Un tributo nuovo che ha impegnato in maniera importante gli uffici nell’interpretazione normativa e nell’attività di analisi sulla possibile ripartizione per categoria di utenza domestica/non domestica dei costi fissi e dei costi variabili sostenuti per l’attività di igiene ambientale ed in particolare per la raccolta e smaltimento dei rifiuti. Preoccupa rilevare che, per motivi non ancora del tutto noti, l’indice di riscossione di tale tributo da parte del concessionario è assai basso e pari: in conto residui ad appena il 15% (circa 13 milioni di euro non incassati), mentre relativamente alla parte di competenza sono stati riscossi solo 9.663.592 euro a fronte dei 24.687.970 euro di tributi accertati (39% di riscossione). Posso sin d’ora assicurare che sarà mia immediata ed urgente cura approfondire tale questione e porre in essere tutti gl’interventi all’uopo necessari, compresa la messa in mora del concessionario ed, eventualmente, l’avvio delle azioni ad essa conseguenti”.

L’assessore Lombardi si è impegnato ad intervenire, “sia sul dirigente responsabile (relativamente ai residui da riportare) che sul concessionario (anche in questo caso con la messa in mora) su quanto inerente le sanzioni amministrative pecuniarie per violazione del codice della strada e delle ordinanze comunali che fanno anch’esse registrare un bassissimo grado di riscossione (15,7%)”.

Vasta e partecipata la discussione sul rendiconto. Sono intervenuti, infatti, Augusto Marasco e Marcello Sciagura ( Il pane e le rose), Pasquale Russo e Alfonso De Pellegrino (PD), Bruno Longo (Destre Unite), Pasquale Cataneo (Destinazione Comune), Giuseppe Mainiero (Fratelli d’Italia), Leonardo Di Gioia ( Lista Di Gioia), Luigi Buonarota ( Lavoro e Libertà), Raimondo Ursitti (FI) e Vincenzo Rizzi (M5S).

Licenziato anche il secondo punto all’ordine del giorno. Il Consiglio Comunale ha costituito la Commissione per la redazione dei regolamenti. L’accapo è stato approvato a maggioranza, con la sola astensione del consigliere  Paolo La Torre. L’aula ha quindi eletto i dieci componenti della commissione, in misura eguale per maggioranza e opposizione. Ne fanno parte, per la maggioranza, Longo, Perdonò, Splendido, Ursitti, Ventura e. Per la minoranza Buonarota, Cassitti, De Pellegrino, Iaccarino  e Rizzi.

Il presidente del Consiglio Luigi Miranda ha convocato per domani mattina alle ore 11 - negli uffici della Presidenza - la conferenza dei capigruppo per discutere gli argomenti all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento