menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Consiglio comunale

Il Consiglio comunale

Approvato il 'Bilancio di previsione'. Landella: “Fondamenta della strada che intendiamo percorrere”

Il Consiglio comunale ha licenziato il documento contabile, obiettivo raggiunto “utilizzando la leva della rinegoziazione dei contratti e della razionalizzazione delle spese rivolte al personale dell’Ente”

Nella seduta di ieri il Consiglio comunale – con 20 voti favorevoli e quelli contrari di Rizzi e Cassitti - ha approvato il bilancio di previsione 2015. Per il sindaco è “la prosecuzione del percorso di risanamento e messa in sicurezza dei conti pubblici, garantisce i servizi minimi e conferma le tariffe per i servizi a domanda individuale rivolti alle fasce più deboli della popolazione, prevedendo contestualmente una serie di scelte tese ad operare un intervento sulla spesa pubblica finalizzato a costruire le condizioni per poter ridurre la pressione fiscale nel prossimo futuro».

Sull’approvazione del documento contabile licenziato dall’assemblea consiliare di Palazzo di Città, il primo cittadino ha ringraziato l’assessore al Bilancio ed ex sindaco, Domenico Verile, “per l’attività svolta”. Documento che secondo Landella “ha risentito del taglio di 5 milioni di euro operato dal Governo centrale sul Fondo di Solidarietà Comunale. Una scure pesante, che ci ha costretti a lavorare per non colpire le fasce sociali della nostra popolazione maggiormente in difficoltà. Un lavoro non semplice, che tuttavia l’Amministrazione comunale ha condotto con senso di responsabilità ed efficacia”.

L’assessore al ramo – per il quale non si è trattato di un esito scontato – ha spiegato le soluzioni adottate per l’approvazione: “Abbiamo “spalmato” i 5 milioni di euro di tagli in modo da non dover recuperare queste somme innalzando le tariffe dei servizi a domanda individuale, in particolare quelli rivolti ad anziani e disabili, che non pagheranno un solo euro in più rispetto allo scorso anno. Siamo riusciti a raggiungere questo obiettivo innanzitutto utilizzando la leva della rinegoziazione dei contratti e della razionalizzazione delle spese rivolte al personale dell’Ente. Una strategia che ci ha permesso di tenere sostanzialmente in linea con i numeri del 2014 anche le tariffe di Imu, Tasi e Tari”.

Nel ringraziare il sindaco, i colleghi di Giunta, il dirigente dei Servizio Finanziario, Carlo Dicesare e tutto il personale “che ha lavorato con dedizione e passione per questo obiettivo”, Verile ha spiegato il “cuore” della manovra di bilancio: “E’ nelle azioni che abbiamo programmato guardando al traguardo del risanamento finanziario, cominciato con la riduzione del disavanzo di amministrazione da 41 a 34 milioni di euro: dal piano per alienazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica al risparmio di 1 milione di euro relativo alla “bolletta” della pubblica illuminazione, dalla lotta serrata all’evasione fiscale, condotta anche attraverso il Protocollo d’Intesa siglato tra Comune, Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza, ai risparmi che conseguiremo nel settore dell’innovazione tecnologica sino alla conferma della riduzione dei tempi di pagamento per le aziende che lavorano con l’Ente di Palazzo di. Città. Abbiamo inoltre inserito in bilancio somme adeguate al processo che dovrà portare, come ha specificato in aula il sindaco Landella, entro due anni all’approvazione del Piano Urbanistico Generale ed incrementato i fondi destinati alla cultura. Come hanno dimostrato le iniziative messe in campo da questa Amministrazione sin dal momento del suo insediamento, infatti, gli investimenti nel campo della cultura sono un importante volano di sviluppo e di crescita, di marketing territoriale, un attrattore anche di flussi turistici, una vetrina per la città. Le 26.690 presenze dal momento della riapertura del Teatro “Umberto Giordano” sono lì a dimostrarlo. Il successo delle manifestazioni del “Foggia Estate” tenute sino ad oggi e la straordinaria partecipazione al “Giordano in Jazz” sono lì a confermarlo”.

Infine Landella ha ringraziato la minoranza: “I frutti del lavoro di programmazione che abbiamo messo in campo, ovviamente, saranno visibili nel medio-lungo periodo. Proprio per questo motivo le scelte contenute nel bilancio di previsione 2015 sono le fondamenta della strada che intendiamo percorrere. Da questo punto di vista voglio esprimere un ringraziamento alla minoranza consiliare, che con senso di responsabilità ieri si è confrontata con noi circa i contenuti del documento contabile, nonostante la tempistica ristretta concessa per studiare e visionare il bilancio. È un segnale importante, che ho particolarmente apprezzato perché indice di una volontà di affrontare insieme i temi che riguardano il futuro di Foggia, al di là delle legittime posizioni politiche”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento