Candela approva il bilancio 2015: azzerata la Tasi, ridotte Imu e Tari

Una oculata gestione portata avanti nel tempo dalla squadra del sindaco Gatta che ha permesso di raggiungere risultati importanti a tutela dei cittadini candelesi

Il Comune di Candela

“E' un bilancio sano e virtuoso quello approvato dal Consiglio Comunale di Candela. Un bilancio che, grazie a scelte importanti effettuate in questi anni dall'Amministrazione, a conclusione del proprio mandato può eliminare la TASI, continuare a mantenere elevato lo standard dei servizi offerti alla cittadinanza nonostante i pesanti tagli subiti da governo centrale e portare a termine un ricco programma di Opere Pubbliche. Un bilancio che consentirà alla prossima Amministrazione di lavorare al meglio per il bene di Candela".

Questo il commento del sindaco Nicola Gatta al termine dell'assise consiliare in cui è stato approvato il documento previsionale 2015 - che aggiunge "anche quest'anno nella redazione del bilancio ci siamo posti l'obiettivo di aiutare i cittadini a far fronte all'attuale situazione di grave disagio economico che sta ancora attraversando l'intero Paese, attuando tutte le azioni che, limitatamente ai propri poteri, l'Amministrazione ha potuto mettere in campo. Lo abbiamo fatto operando una attenta e rigorosa revisione della spesa corrente che non ci ha impedito di continuare a garantire tutti i servizi, in primis servizi sociali, servizi scolastici,cultura, sport,di mantenere un alto livello qualitativo e di lasciare inalterate per un quinquennio le tariffe dei servizi a domanda individuale. E pure nella rigidità della spesa corrente, siamo riusciti a ridurre tale voce del 5% rispetto alla previsione 2014". Una oculata gestione portata avanti nel tempo dalla squadra del sindaco Gatta che ha permesso di raggiungere risultati importanti a tutela dei cittadini candelesi

Riduzione della pressione fiscale con azzeramento della TASI: a Candela nessuna famiglia pagherà la Tasi, infatti saranno esentati dal pagamento dell'odioso balzello le prime e seconde abitazioni, le aree fabbricabili, i fabbricati rurali e le pertinenze agricole, i bar e i negozi, con un risparmio variabile dai 100€ ai 400€, in relazione al tipo di fabbricato e alla conseguente rendita catastale, esentando dal pagamento anche gli affittuari degli immobili, che avrebbero contribuito con una quota compresa tra il 10% e il 30%. del tributo”

Riduzione dell'aliquota ordinaria IMU dell' 1xMille, che passa dal 10,6 x mille al 9,6 x mille con ulteriori riduzioni per coloro che locano gli immobili che sconteranno il 7,60 x mille con contratto a canone libero, il 6,00 x mille con contratto a canone concordato e per immobili ceduti in comodato gratuito. "Avremmo potuto fare ancora di più - sottolinea l' Assessore con delega al Bilancio Pasquale Capocasale - se lo Stato non ci avesse sottratto anche quest'anno una parte cospicua di imposte municipali, vale a dire l'IMU sugli opifici industriali,i parchi eolici, fotovoltaici ed altri, che per noi equivale a 494.000 euro annui. Con questa cifra avremmo potuto ridurre in maniera ancora più consistente l'aliquota IMU, eliminare le addizionali comunali IRPEF, assicurare ulteriori servizi. Nulla di tutto questo - continua Capocasale - lo Stato nella persona del Presidente del Consiglio, dopo aver promesso in sedi istituzionali che le imposte municipali sarebbero rimaste ai comuni, si è rimangiato la parola e per il quarto anno subiamo scippi che dal 2012 al 2015 ci hanno sottratto 1.750.000 euro.

Riduzione e agevolazioni TARI. Razionalizzazione della spesa per il servizio R.S.U, con agevolazioni TARI per alcune categorie di utenti in relazione all'utilizzo del servizio tra cui il 30% di riduzione per i fabbricati rurali ad uso abitativo e il 20% sui capannoni industriali.

Conclude il sindaco Nicola Gatta: “Il governo centrale da anni scarica ogni responsabilità sugli amministratori locali, attraverso imposte e balzelli che colpiscono tutti i cittadini e persino chi vive in affitto, riducendo al contempo il fondo di solidarietà comunale e costringendo la gran parte dei comuni italiani ad innalzare la tassazione locale. Noi a questo gioco al massacro non ci stiamo, e siamo orgogliosi di aver ridotto ulteriormente la fiscalità locale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento