Economia

Approvato il bilancio 2012, Pdl preoccupato: “Foggia indebitata e senza programmazione”

Il Consiglio comunale ha approvato il Conto Consuntivo 2012. Rocco Lisi: "Proseguito il processo di risanamento, nel 2013 gli investimenti per sostenere la ripresa dell'economia locale"

Il Consiglio comunale ha approvato il Conto Consuntivo 2012 all’esito della seduta svoltasi questa mattina e conclusa con il voto sul documento contabile: 17 favorevoli, 10 contrari, 1 astenuto. Tra i risultati evidenziati dall’assessore al Bilancio, Rocco Lisi, c’è l’incremento, rispetto al 2011, del 16% dell’avanzo di gestione di competenza giunto a 9.659.785,52 euro, nonostante l’ulteriore taglio di circa 5.400.000 dei trasferimenti dello Stato.

In parallelo, la spesa corrente è stata ridotta del 10,48% rispetto al 2010; così come in un anno è stata tagliata di circa il 50% la spesa per il rimborso dei prestiti, soprattutto grazie al minore ricorso alle anticipazioni di cassa. Il disavanzo di amministrazione è stato di 34.538.081,33 euro, esclusivamente generato dall’operazione contabile della revisione dei residui di bilancio attivi e passivi collegata all’istanza per l’accesso al decreto ‘salva Enti’.

Ma dopo la seduta sul Bilancio, il gruppo dei consiglieri del Popolo della Libertà ha espresso preoccupazione sul futuro della Città, evidenziando, tramite del suo coordinatore provinciale Franco Landella, che questa esperienza politico-amministrativa è all’atto finale.

Franco Landella, coordinatore provinciale Pdl: “Il voto ha fatto chiarezza sulla reale maggioranza che sostiene Mongelli. In realtà, anche se all’atto pratico è passato, nonostante il parere sfavorevole di tutti i revisori dei conti, sul piano politico e numerico i dati mostrano ben altri risultati. Sono stati solo 17 i voti favorevoli, raschiando il fondo del barile tra presunti alleati e dissidenti, mentre deve far riflettere che 23 consiglieri, tra voti sfavorevoli, un astenuto e gli assenti, hanno bocciato il piano del centrosinistra. franco landella-2

I consiglieri assenti, se è vero che con la loro decisione hanno salvato Mongelli, politicamente valgono come un “no” secco alla politica senza senso che il Partito Democratico ha disseminato in 4 anni di governo della Città. Siamo fortemente preoccupati perché il centrosinistra lascerà una Foggia indebitata e senza programmazione.

Ci spaventa che il centrosinistra non abbia programmato un piano di sviluppo, un piano commerciale, un percorso per la risoluzione definitiva del problema del verde pubblico e per la raccolta dei rifiuti, un intervento concreto a salvaguardia del centro storico e della sicurezza dei cittadini, un piano casa. Toccherà al prossimo sindaco avviare un nuovo percorso di lavoro mettendo avanti a tutto la parola programmazione e che, purtroppo, richiederà ulteriore tempo. Tempo che questa città non ha più!”.

Queste invece le dichiarazioni di voto del gruppo consiliare di Sel: "Signor sindaco, abbiamo chiesto di votare per appello nominale poiché riteniamo che questo sia un passaggio politicamente importante per comprendere su cosa e chi si fonda questa maggioranza.  de santis e sisbarra-2Chi, tra quelli della maggioranza, non vota, o vota contro, sta deliberatamente decidendo di far sciogliere il Consiglio comunale con tutto ciò che questo potrebbe comportare. Noi di Sel voteremo questo accapo per coerenza politica ma riteniamo di non partecipare più a riunioni di maggioranza con consiglieri o gruppi che hanno deciso il non voto per dubbie opportunità politiche".

Rocco Lisi, assessore al Bilancio del Comune di Foggia: “Il conto consuntivo 2012 ci restituisce la fotografia di un ente che, nonostante le pesantissime riduzioni di entrate e la crisi economica-finanziaria che il nostro Paese sta attraversando, ha proseguito il proprio impegno per la razionalizzazione delle risorse e il risanamento finanziario. Il Comune di Foggia, infatti, non è in condizioni strutturalmente deficitarie ed ha ampiamente rispettato il Patto di Stabilità Interno 2012. Inoltre, sia i debiti fuori bilancio che i debiti di funzionamento presentano una sensibile riduzione rispetto agli anni precedenti.

Questa amministrazione ha avuto la capacità di portare avanti un’equilibrata e corretta gestione; al punto che, in assenza di tutte le operazioni finanziarie generate dalla necessità di colmare il deficit di bilancio, avrebbe potuto destinare a favore della collettività il frutto del proprio lavoro. Grazie ai fondi derivanti dal ‘Salva Enti’ e dalle anticipazioni della Cassa Depositi e Prestiti, nel 2013 contiamo di incrementare la spesa per investimenti e, quindi, sostenere la ripresa dell’economia locale. Rocco Lisi-1-2

Credo sia evidente che le scelte fatte dalla giunta e dalla maggioranza siano risultate efficaci ed efficienti rispetto al processo di risanamento che sarebbe pienamente concluso se il Governo non avesse scaricato e non continuasse a scaricare sugli enti locali i tagli della spesa pubblica”.

Il consigliere comunale de La Destra, Bruno Longo: “A tal riguardo il consigliere comunale Bruno Longo dichiara: “Più che un bilancio consuntivo, quello approvato a maggioranza, sembra un bilancio di previsione o di riequilibrio considerato che ci sono indirizzi di spesa mentre il rendiconto è una foto di tutto ciò che è avvenuto e non può prevedere ciò che verrà fatto dopo. È evidente che si è commesso un grave errore da un punto di vista giuridico.

bruno longo-2-2

La maggioranza di centrosinistra, il sindaco Mongelli e l'assessore al Bilancio Lisi dormono sonni tranquilli convinti che i conti del Comune di Foggia verranno sanati grazie al decreto “Salva Enti” che, però, lascerà pesanti eredità ai futuri amministratori della città. Il piano di rientro, inoltre, è miseramente fallito poiché le alienazioni dei beni comunali non sono andate a buon fine e gli unici veri sacrifici sono stati imposti ai foggiani, ai quali sono stati sottratti molti servizi con un aumento spropositato delle tasse per coprire le magagne commesse dal centrosinistra negli ultimi nove anni di gestione della cosa pubblica”

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Approvato il bilancio 2012, Pdl preoccupato: “Foggia indebitata e senza programmazione”

FoggiaToday è in caricamento