rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024

Cambia la ditta di sanificazione alla Barilla e taglia gli stipendi: "Fateci lavorare alle stesse condizioni della Iscot"

Presidio dei lavoratori davanti allo stabilimento nella zona industriale di Foggia

Picchettano l’ingresso dello stabilimento Barilla, nella zona industriale Asi Foggia-Incoronata, i lavoratori impiegati nelle pulizie tecniche e nella sanificazione degli impianti, prima dello scoccare della mezzanotte, quando ufficialmente saranno senza contratto. A nessuno di loro è stato sottoposto dalla ditta subentrante, la Lucente, dopo il verbale di mancato accordo con i sindacati.

Cambia l’appalto e le condizioni si prospettano decisamente peggiorative per 29 lavoratori finora alle dipendenze di Iscot. “Lucente hai distrutto 29 famiglie, vogliamo i nostri diritti”, si legge su uno degli striscioni affissi ai cancelli, dove sventolano le bandiere dei sindacati. E ancora, “abbiamo dato anima e corpo, oggi siamo diventati avanzi”.

Si parla di “un esubero in termini di parametri orari contrattuali del 35%, che è una mannaia per questi lavoratori che hanno già redditi abbastanza bassi”, spiega Dario Lannunziata della Uiltucs. “Non abbiamo riscontrato alcun calo del lavoro nel capitolato”, precisa Savino Melillo (Fsam).

Invece, è stata prospettata una riduzione da 40 a 26 ore, i part-time arrivano a 14 ore. Il prossimo 29 aprile è previsto un incontro in Prefettura. “Chiediamo solo – è l'appello dei lavoratori - di tornare a lavorare alle stesse condizioni della ditta uscente”.

Si parla di

Video popolari

Cambia la ditta di sanificazione alla Barilla e taglia gli stipendi: "Fateci lavorare alle stesse condizioni della Iscot"

FoggiaToday è in caricamento