Ecco perché ho deciso di investire a Foggia e di farlo sul viale della Stazione

Angelo Annese di Orta Nova, il 22 o 24 marzo inaugurerá il suo bar-pasticceria-gelateria nei locali dell'ex bar Ruocco, sul viale della Stazione di Foggia

C'è chi da Foggia ha deciso di andar via o semplicemente si è visto costretto a farlo; e chi, invece, pur non essendoci nato e vissuto, mantiene un legame forte con la città; che non si è mai interrotto e che ci riporta indietro nel tempo, agli anni Settanta/Ottanta, quando Angelo Annese e i suoi genitori prendevano il pullman delle 16 per raggiungere il capoluogo dauno da Orta Nova: "Eravamo piccoli, era un modo per premiarci, era bellissimo osservare le vetrine dei negozi tra il viale della Stazione e l'isola pedonale, le loro luci e l'atmosfera che si respirava in quegli anni. Di Foggia ho avuto sempre un bel ricordo".

Sono passati 40 anni da quei pomeriggi foggiani. Oggi, Angelo è un pasticciere affermato, nipote del suo omonimo che insieme ai fratelli Oronzo e Peppino nel 1928 fondarono la fabbrica di neve e di ghiaccio, che vendevano ai gelatai o a chi ne avesse bisogno. L'ascesa della famgilia Annese cominciò negli anni Trenta, quando Angelo e Oronzo cominciarono a muovere i primi passi come pasticceri artigianali.

Il 22, o al massimo il 24 marzo, quel ragazzino che dopo la scuola prendeva "la corriera" per "fare un giro"  tra i negozi del salotto di Foggia - dopo aver gestito dal 2012 al 2016 presso i supermercati La Prima, insieme al fratello e attuale titolare, il laboratorio di pasticceria, aprirà un bar-pasticceria-gelateria ("ques'ultima è la nostra specialità"), proprio su quel viale dove da bambino amava passeggiare e girare tra i negozi. Presso l'ex bar Ruocco.

Per nulla scoraggiato e spaventato dall'idea di investire in una realtà e in un quartiere complicati, il pasticcere ortese l'estate scorsa ha vinto la gara d'appalto sulla gestione dei locali di proprietà dell'Acquedotto Pugliese: "Foggia non è quella che ricordo da ragazzino ma il mio ottimismo mi ha portato a puntare su una zona dove nessuno investe più. Mi è convenuto anche per via dei costi d'affitto. Molti mi hanno scoraggiato, ma non mi sono perso d'animo"

Sì, perchè il pasticciere di Orta Nova non ha mai smesso di lavorare e di credere in un futuro migliore: "Mi sono stancato di sentire solo notizie negative, non dobbiamo pensarci, dobbiamo andare avanti. Su Foggia parto con quattro nuove assunzioni, mi auguro di arrivare a sette e otto" ci rivela.

I locali sono pronti, il grande giorno sta per arrivare. Il Quartiere Ferrovia riparte dal coraggio del pasticciere ortese e dalla storia della sua famiglia, 70 anni dopo dal primo banco a salamoia acquistato da due dei tre fratelli Annese. Ci vediamo da Angelo

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strage a Orta Nova, triplice omicidio e suicidio: spara e uccide moglie e due figlie di 13 e 18 anni, poi si toglie la vita

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Bus frena per evitare auto, donna cade e muore: due persone a giudizio per omicidio stradale

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento