rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Economia Cerignola

Ad ogni nubifragio Cerignola si allaga: vasche di laminazione 'a monte' della città la soluzione

Proposta un sistema per incanalare l’acqua piovana a monte per evitare un deflusso scomposto e incontrollabile a valle. Necessari anche interventi nella fogna bianca

Vasche di laminazione ‘a monte’ per evitare gli allagamenti nella parte bassa della città. E’ questa una delle proposte avanzate per evitare i disagi che si verificano a Cerignola ad ogni nubifragio o acquazzone. Lo spunto è stato presentato in un momento di confronto tra maggioranza e opposizione: “Ho voluto incontrare anche le opposizioni, oggi, per parlare dei progetti utili alla città di Cerignola dopo il violento nubifragio di domenica 8 maggio”, spiega il sindaco Francesco Bonito.

“Come sappiamo, è stato un evento storico, con quantità d’acqua imprevedibili che hanno causato danni a edifici pubblici e privati ed è necessario senso di responsabilità collettivo per sanare, una volta per tutte, le criticità del nostro sistema fognario”. Mentre il Comune di Cerignola ha già deliberato la richiesta di stato di calamità naturale e ha effettuato una prima tranche di interventi di autospurgo partendo dalle zone più colpite dall’ultimo nubifragio, il tavolo tecnico ha analizzato le cause che hanno determinato l’allagamento quasi totale della città.

“Mai visto una cosa simile”

All’incontro erano presenti i consiglieri Luciano Giannotti, Vincenzo Merra, Domenico Bellapianta, Antonio Giannatempo, Pasquale Morra, Tommaso Sgarro e Nicola Netti. “Cerignola si sviluppa su due livelli: il primo a 180 metri di altezza ed il secondo a 50 metri, dove ad esempio si trova il rione Pozza Carrozza, tra i più colpiti in questo e in tanti altri nubifragi. Questo dislivello ha determinato il tilt del sistema esistente. L’ingegner Romanazzi ha illustrato la possibilità di munirsi di vasche di laminazione, in modo tale da incanalare l’acqua piovana a monte per evitare un deflusso scomposto e incontrollabile a valle”, spiega.

“Sono necessari interventi anche nella fogna bianca, giacché diverse aree di Cerignola risultano sprovviste di tubazioni ed è urgente potenziare la rete nelle aree attigue a quelle in cui, da un punto di vista urbanistico, è pressoché impossibile intervenire”, continua Bonito. “Mettere mano alla rete fognaria di Cerignola – conclude il sindaco Bonito - è un’impresa titanica, che sanerebbe uno dei problemi atavici della città: le possibilità offerte dal Pnrr, e non solo, possono però aiutarci in un’impresa che non dev’essere considerata impossibile”.                       

tavolo tecnico nubifragio-2                           

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ad ogni nubifragio Cerignola si allaga: vasche di laminazione 'a monte' della città la soluzione

FoggiaToday è in caricamento