"A Foggia 'anno nero' per aziende e imprese: il bilancio di Scarpiello

Il segretario della Feneal Uil: "Necessario intervenire con leggi di riforma, nel mercato di lavoro e della previdenza, e rilanciare gli investimenti nell’industria dell’edilizia e dell’agricoltura"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

E’ stato un 2013 dai due volti per Alessandro Scarpiello, segretario della Feneal Uil Foggia, e non poteva essere altrimenti vista l’importanza sul piano personale e il grande impegno profuso di fronte alla crisi del settore edile, particolarmente sentita nella provincia del Tavoliere.

“Il 2013 e stato l’anno del cambio di guardia alla direzione politica della Feneal – ricorda il giovane segretario – con le dimissioni del segretario generale Pasqualino Festa e la mia seguente elezione. A Pasqualino va tutta la mia ammirazione per come ha condotto la Feneal in questi anni, punto di riferimento dei rapporti unitari tra Filca e Fillea”.

“Ho accettato l’incarico con la consapevolezza di dovermi impegnare a fondo, muovendomi nel solco da lui tracciato in questi decenni”. La situazione della provincia di Foggia non è diversa da quella del resto del Mezzogiorno e per questo serve una ricetta mirata: “E’ stato un anno di crisi così profonda - spiega Scarpiello - che se non si interviene con leggi di riforma, in particolare nel mercato di lavoro e della previdenza, e con il rilancio degli investimenti nell’industria dell’edilizia e dell’agricoltura si rischia di portare la Capitanata in un baratro irreversibile”.

Nel dettaglio, i segnali sono preoccupanti: “Si va dalla chiusura quasi totale del settore dei laterizi  al blocco dell’edilizia pubblica e quella privata – continua il segretario della Feneal Foggia – alla chiusura di centinaia di aziende artigianali del settore. Si tratta di dati allarmanti che hanno prodotto migliaia di disoccupati e cassa integrati, facendo aumentare una illegalità diffusa di lavoro sommerso, di aumento del caporalato di subappalti e cottimi in attività quasi abusive”.

“Gli investimenti pur programmati da parte della Regione sono venuti meno per chiare volontà politiche. Mi riferisco alla strada regionale numero 1, la statale 16 e la viabilità delle strade provinciali, oltre al recupero dissesto idrogeologico. E’ chiaro che senza una inversione di tendenza certamente non se ne esce”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento