Malattia delle vene, un dottore foggiano a capo di una prestigiosa società scientifica

Il dott. Aldo D'Alessandro, di San Severo, è stato eletto a capo della più importante e storica Società Flebologica Italiana che riunisce i maggiori esperti e scienziati che si occupano di malattie delle vene

Il dott. Aldo D'Alessandro

Il dott. Aldo d’Alessandro è il nuovo presidente della Società Italiana di Flebologia Clinica e Sperimentale. Lo ha eletto l’Assemblea dei soci nell’annuale convention, nella splendida cornice delle Terme di Montegrotto e dell’Università di Padova. Pugliese, di San Severo, 57 anni, laureato all’Università di Padova, sposato con un figlio (Alessandro, studente di Medicina segue le orme del papà), è stato eletto a capo della più importante e storica Società Flebologica Italiana che riunisce i maggiori esperti e scienziati che si occupano di malattie delle vene.

Già consigliere nazionale nel triennio 2011-2013, non ha avuto concorrenti essendo stato candidato unico alla presidenza; ad affiancarlo ci sarà un consiglio direttivo di altissimo livello composto dai seguenti flebologi: prof. Luigi Di Pino, angiologo dell’Università di Catania; prof. Salvatore Venosi, chirurgo vascolare dell’Università “La Sapienza” di Roma; prof. Gianfranco Vettorello, chirurgo vascolare di Udine; prof. Massimiliano Farina, chirurgo vascolare di Milano; Anna Rita Todini, già essa stessa presidente SIFCS, e Anna Maria Izzo, angiologi, entrambe di Roma; prof.ssa Biancamaria Ligas, chirurgo vascolare di Oristano; Francesco Lione, angiologo di Reggio Calabria. 

La Società Italiana di Flebologia Clinica e Sperimentale, fondata a Roma nei primi anni Ottanta, ha visto ricoprire la carica di presidente scienziati e ricercatori di fama internazionale come il prof. Claudio Allegra che poi ha raggiunto i vertici mondiali con l’elezione a presidente dell’Unione Internazionale di Flebologia.

E’ la prima volta che un pugliese viene eletto capo di questa prestigiosa Società Scientifica. D’Alessandro, angiologo, lavora presso l’Ospedale di San Severo; oltre 250 congressi alle spalle, una sessantina di pubblicazioni scientifiche, è attualmente uno tra i maggiori esperti nazionali della CCSVI, patologia venosa riscontrata nei pazienti con sclerosi multipla dal prof. Paolo Zamboni di cui si può considerare a ragione un suo allievo, avendo frequentato un Master di 2° livello presso l’Università di Ferrara dove il docente insegna e lavora. Attualmente il dott. d’Alessandro collabora con il Dipartimento di Malattie cardio-vascolari dell’Università “La Sapienza“ di Roma con i cui ricercatori nel solo ultimo mese ha mandato in stampa più di 10 lavori scientifici di livello internazionale.

«Soddisfatto e onorato – commenta il neo presidente – del compito assegnatomi. E’ un  grande riconoscimento essendo la Società Flebologica Italiana una delle strutture scientifiche più importanti del nostro Paese». Primo impegno: il congresso nazionale della Società in programma nel prossimo dicembre e che potrebbe svolgersi a Bari.

E sarebbe la prima volta che l’importante meeting fa tappa in Puglia. A tal proposito d’Alessandro preannuncia importanti novità scientifiche al prossimo congresso nazionale, poiché gruppi di studio della SIFCS di diverse Università stanno mettendo a punto delle scoperte di rilevanza internazionale. «Sono ancora più orgoglioso – aggiunge il presidente d’Alessandro, con importanti esperienze professionali all’estero per lo più in Francia a Parigi - di essere presidente della flebologia nazionale in questo particolare momento storico, giacché i più innovativi e importanti flebologi internazionali sono proprio italiani come il prof. Zamboni, scopritore della CCSVI, e il prof. Lorenzo Tessari, scopritore della schiuma e del cosiddetto “metodo Tessari” per la scleroterapia delle vene varicose”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento