Oltre al danno la beffa, braccianti rischiano l'esclusione dal bonus di maggio. L'appello: "Dignità e rispetto per una dignità già fragile"

Così il segretario generale Uila Puglia, Pietro Buongiorno commenta le indiscrezioni delle ultime ore che vedono in salita il percorso per l’approvazione degli emendamenti presentati dal sindacato al Decreto Rilancio

Immagine di repertorio

“I braccianti agricoli rischiano di essere esclusi dal bonus di maggio, mortificati dal bisogno di quadratura finanziaria, valido solo per loro, anche in considerazione del fatto che altre professioni largamente più agiate (si pensi ad esempio ai liberi professionisti) hanno ottenuto ristoro”.

Così il segretario generale Uila Puglia, Pietro Buongiorno commenta le indiscrezioni delle ultime ore che vedono in salita il percorso per l’approvazione degli emendamenti presentati dal sindacato al Decreto Rilancio. La Uila Puglia nei scorsi aveva anche rivolto un nuovo appello ai parlamentari pugliesi per sostenere le istanze emendantive, presentate dal sindacato e già ritenute ammissibili tra le 7mila proposte.

“Abbiamo ribadito che si tratta non solo di una questione di dignità - esordisce Buongiorno - ma anche una questione di rispetto verso una comunità di lavoratori che presta la propria opera in un settore già di per sé fragile che non offre stabilità e solide garanzie, per di più martoriato da fenomeni calamitosi ed emergenze batteriologiche che in alcuni territori della Puglia hanno messo in ginocchio la categoria".

"Speriamo - continua Buongiorno - che il Governo rinsavisca e che in merito all’estensione del bonus trovi le risorse da destinare ai braccianti ed alle loro famiglie per il mese di maggio. La loro immotivata esclusione sarebbe ingiusta, iniqua e irrispettosa nei confronti di una categoria che, per necessità del Paese e per garantire il fabbisogno alimentare, ha continuato a lavorare in condizioni di non sicurezza in piena emergenza sanitaria".

"La Uila anche questa volta impegnata in prima linea su questo fronte non demorderà fino all’ultimo respiro per dare risposte concrete alle migliaia di braccianti. Chiediamo un supporto alla società civile affinché ci supporti in questa battaglia, cercando di innescare un meccanismo virtuoso che fa il bene della collettività e di una categoria tra le più deboli del sistema paese.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Saturimetro: cos'è e quali sono i modelli migliori in commercio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento