menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ospedale Don Uva di Foggia

Ospedale Don Uva di Foggia

Svolta per il ‘Don Uva’ di Foggia: “L’ospedale ha l’acquirente”

Lo rivela Massimiliano Di Fonso, sindacalista dell’Usppi. Il commissario straordinario Bartolomeo Cozzoli consegnerà la proposta al Ministero dello Sviluppo Economico per l’acquisizione delle strutture di Bisceglie, Foggia e Potenza

Il Don Uva ha l’acquirente. Lo rivela in una nota stampa il sindacalista Usppi, Massimiliano Di Fonso, secondo il quale fra gli acquirenti che hanno presentato l’offerta unitaria per Foggia, Potenza e Bisceglie e che sono rientrati in gioco per  l’acquisto, buone chance le avrebbe il gruppo Sansavini e il gruppo De Benedetti, “vista la comprovata solidità patrimoniale e finanziaria”, evidenzia.

La svolta per le tre strutture della Casa Divina Provvidenza, quindi per il Don Uva di via Lucera a Foggia, si concretizzerà nelle prossime ore, quando il commissario straordinario si recherà con la proposta di acquisto presso la commissione di vigilanza del ministero dello sviluppo economico, che a sua volta valuterà l’offerta e darà il via libera all’acquisizione del gruppo che avrà fatto l’offerta migliore e dato maggiori garanzie.

Successivamente all’acquisizione, il progetto di risanamento sarà presentato ai sindacati che dovranno dare il parere positivo  sul piano industriale e sulla fattibilità occupazionale. Valutata la clausola fideiussoria il Don Uva sarà ceduto.

Bartolomeo Cozzoli avrebbe spiegato il presente e il futuro della struttura ospedaliera di via Lucera in un incontro con la segreteria regionale Usppi al quale hanno partecipato Nicola Brescia, Nico Preziosa e i foggiani Massimiliano Di Fonso e Massimo Nicastro. Il commissario straordinario avrebbe spiegato il lavoro intenso fatto subito dopo l’apertura delle offerte, con una serie di richieste di garanzia per il personale in particolare e sulla continuità assistenziale.

Sarebbero stati privilegiati, quindi, i gruppi che hanno presentato l’offerta unitaria di acquisto sui tre ospedali, ma nulla vieta che potrebbero essere ceduti separatamente: “Siamo in trepida attesa che il Commissario Cozzoli comunichi il nome dell’acquirente, e siamo certi che nei prossimi giorni, dopo tre lunghi anni di agonia si metta fine ad una odissea infinita” conclude Massimiliano Di Fonso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento