Scuola: istituto comprensivo di Zapponeta accorpato con Borgo Mezzanone

“Possiamo dirci finalmente soddisfatti per essere riusciti a scongiurare la soppressione dell’autonomia didattica ed amministrativa per il nostro Istituto Comprensivo, minacciata dalle more della legge 111 art. 19.”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"Siamo particolarmente lieti di comunicare, che, a seguito di specifici incontri da noi espressamente richiesti ed organizzati con la Regione Puglia e con la Provincia di Foggia e grazie anche e soprattutto alla sinergica attività di collaborazione tra l’Ente scolastico di Zapponeta (dirigenza, personale didattico e non, famiglie degli alunni) e l’Amministrazione Comunale, possiamo dirci finalmente soddisfatti per essere riusciti a scongiurare la soppressione dell’autonomia didattica ed amministrativa per il nostro Istituto Comprensivo, minacciata dalle more della legge 111 (art. 19). 

Tale soluzione è stata possibile proponendo l’accorpamento dell’Istituto zapponetano con la struttura scolastica di Borgo Mezzanone ed è un risultato che consideriamo particolarmente significativo ed importante poiché riteniamo che la scuola sia un elemento fondamentale e primario nel consentire lo sviluppo sociale ed economico del territorio, agendo anche attraverso la promozione della cultura e delle tradizioni locali.

In questo modo il Comune di Zapponeta ha inteso rispondere, limitandone i danni, alle politiche scolastiche messe in atto dall’ormai ex governo nazionale, opponendoci con successo ad un disegno tendente ad annichilire il Sapere e le risorse culturali a favore di un progetto di razionalizzazione che a nostro avviso collide con la necessità di sviluppare, d’altro canto, ogni potenzialità intellettuale e professionale presente ed attiva sul territorio. Dalla Crisi si può e si deve uscire investendo sul futuro, cioè sull’educazione e sulle capacità dei giovani - che sono i cittadini del domani - e non chiudendo le scuole e depauperando e degradando risorse e professionalità che rappresentano l’unica vera ricchezza del Paese."

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento