Sangalli Vetro, cassa integrazione a zero ore per dodici mesi: c'è l'accordo

L'on. Bordo: "Contattati diversi advisor per individuare possibili imprese interessate a rilevare per intero lo stabilimento". Scalfarotto: "Dobbiamo rinnovare gli sforzi perché lo stabilimento possa riprendere la propria attività"

Immagine di repertorio

È stato firmato stamattina l’accordo per la cassa integrazione a zero ore a rotazione per dodici mesi in favore dei lavoratori della Sangalli di Manfredonia. “Ma adesso sarà fondamentale che Governo e regione Puglia producano nei prossimi mesi il massimo sforzo possibile per trovare un investitore credibile che faccia ripartire la produzione.

Lo afferma l'on. Michele Bordo, presidente della Commissione Politiche UE della Camera, dopo aver ricevuto la telefonata, con la quale si annunciava l’intesa, dalla sottosegretaria al lavoro Teresa Bellanova. "La volontà di tutte le parti di lavorare per ricercare soluzioni operative, finalizzate alla riattivazione dell'impianto, è stata ribadita anche nel verbale dell'incontro di oggi”, continua Bordo.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha già contattato diversi advisor per individuare possibili imprese interessate a rilevare per intero lo stabilimento manfredoniano, evitando così lo 'spezzatino' industriale prospettato dai liquidatori. “Ora che i lavoratori, e le loro famiglie, potranno finalmente beneficiare degli ammortizzatori sociali - conclude Bordo - dobbiamo tutti impegnarci per raggiungere un unico obiettivo: far ripartire la produzione e restituire fiducia nel futuro all'intero territorio".

SCARICA IL VERBALE DELL'ACCORDO: Verbale di accordo Sangalli Vetro Manfredonia - 4 agosto 2015-2

Presente anche il sottosegretario alle Riforme del Governo Renzi e parlamentare del Pd pugliese Ivan Scalfarotto: “Si tratta - sottolinea l’esponente Pd - di un primo parziale sollievo per i lavoratori, che però non deve indurci a diminuire l’impegno. Dobbiamo al contrario rinnovare gli sforzi perché lo stabilimento possa riprendere la propria attività con nuovi investitori, senza dimenticare lo sforzo compiuto dalla Regione e dal Comune di Manfredonia per rendere la fabbrica più competitiva ed attrattiva.”

“Il cammino è lungo e difficile - conclude Scalfarotto - e dobbiamo continuare a percorrerlo in spirito di sinergia istituzionale, sapendo che i poteri pubblici non hanno la possibilità di sostituirsi al mercato, ma possono essere d’aiuto per supplire alle sue manchevolezze contingenti. Con lo sforzo congiunto del Governo Renzi, della Giunta Emiliano e della Giunta Riccardi, insieme alle rappresentanze sindacali si potranno raggiungere quei risultati concreti che i lavoratori della Sangalli e Manfredonia meritano".

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento