Cucina

Le pettole foggiane, un must della vigilia di Natale

Le pettole altro non sono che pezzi di pasta di pizza (farina, lievito, olio e sale) messi a friggere, senza particolare attenzione alla forma

Natale è ormai alle porte. E quando si parla della festività più attesa e sentita dell’anno, l’ambito gastronomico la fa da padrone. Perché come tutte le festività, anche al Natale sono legati dei piatti tipici, salati e dolci.

Consuetudine vuole che nelle case foggiane la vigilia preveda solo un pasto. Non si pranza, perché la mattina e il pomeriggio vengono dedicati alla preparazione delle celeberrime pettole, semplice quanto gustoso antipasto del lauto cenone che seguirà qualche ora dopo. Una pietanza tipica foggiana, che scandisce l’inizio della tre giorni natalizia con una precisione svizzera. Ogni foggiano sa che quando, girando per i quartieri, si viene invasi dal profumo di fritto, è iniziata la Vigilia.

Le pettole altro non sono che pezzi di pasta di pizza (farina, lievito, olio e sale) messi a friggere, senza particolare attenzione alla forma, e che vengono consumati a pranzo e nelle prime ore del pomeriggio, giusto per limitare i brontolii dello stomaco, in attesa dell’abbuffata serale. Croccante e allo stesso tempo soffice, la pettola è un must nelle cucine foggiane. E c’è anche chi le ‘accompagna’ con le olive o i broccoli di rape lessati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le pettole foggiane, un must della vigilia di Natale

FoggiaToday è in caricamento