rotate-mobile
Cronaca San Severo

'Tutti uniti per Vito', il padre di due figli colpito da un tumore aggressivo: La moglie: "Io non mollo, ma aiutateci"

San Severo, la moglie Livia scrive su FB: "Voglio andare avanti e chiedere anche altri pareri affinché non trovo il medico che mi dirà che può curare mio marito anche se non sarà qui in Italia"

Si chiama 'Tutti uniti per Vito' la raccolta fondi avviata dalla moglie di Vito, il padre di due figli di San Severo colpito da un tumore aggressivo, "che non ci dà pace" scrive Livia sulla pagina Facebook dell'iniziativa lanciata per sostenere le spese per le cure di suo marito.

Il racconto di Livia e l'appello 

Vito, mio marito, ha subito tre interventi chirurgici in pochi mesi, avevamo una vita normalissima come tutti gli altri ma questa cosa ci ha tolto la serenità in famiglia. Un tumore aggressivo che non ci dà pace, di cui l'ultimo una recidiva non operabile (carcinoma squamocellulare sotto mandibolare e alla laringe)

Iniziò tutto da dicembre, un calvario tra dolori allucinanti, nottate e sofferenze. Siamo stati tre mesi a Parma e adesso sta facendo le terapie di cui non sto vedendo risultati; in questo percorso abbiamo conosciuto medici straordinari che ci hanno aiutato molto e con questo appello non voglio offendere la professionalità e umanità di nessuno, anzi non li ringrazierò mai abbastanza per quello che hanno fatto e fanno tutt'ora per mio marito, ma io non mollo, voglio andare avanti e chiedere anche altri pareri affinché non trovo il medico che mi dirà che può curare mio marito anche se non sarà qui in Italia.

Siamo stati anche al CNAO per l'adroterapia ma purtroppo lui non la può fare e neanche la radioterapia per una patologia genetica molto rara. Se qualcuno conosce qualche struttura dove possano curarlo e trovare un altra strada al più presto, mi contatti. Grazie anticipatamente Livia

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Tutti uniti per Vito', il padre di due figli colpito da un tumore aggressivo: La moglie: "Io non mollo, ma aiutateci"

FoggiaToday è in caricamento