Un unico presidio Covid da 150 posti letto nella sede del 'D'Avanzo': la strategia del 'Riuniti' per isolare il virus

Lo ha annunciato il direttore generale Vitangelo Dattoli, durante il talk in web promosso dall’università di Foggia sul tema ‘Sanità’. "Questa è la prospettiva alla quale stiamo lavorando, da perfezionare in tempi rapidi”

Un unico presidio che faccia da collettore di tutti i percorsi Covid. Questa la prospettiva cui sta lavorando la dirigenza del Policlinico Riuniti per il prosieguo della gestione dell’emergenza sanitaria di Coronavirus.

Lo ha annunciato il direttore generale del ‘Riuniti’, Vitangelo Dattoli, durante il talk in web promosso dall’università di Foggia sul tema ‘Sanità’. “Bisogna individuare dei presidi stabili: dopo l’avamposto del ronto soccorso, la prima linea, noi abbiamo creato le seconde (le aree grigie) e le terze linee;  queste ultime sono quelle che vanno rese compatibili col nuovo presidio Covid”, spiega Dattoli.

“Le aree grigie danno la possibilità di coniugare il dato di laboratorio con il dato clinico, che assume significato importante tanto quanto un tampone”, spiega in maniera più didascalica. “Accanto alle aree grigie ci sono i percorsi: abbiamo costruito nell’ospedale percorsi nefrologici-covid, chirurgici-covid, ostetrici-covid, cardiologici-covid paralleli a quelli no-covid. Bene, fatto salvo l’avamposto del pronto soccorso, tutti questi dovrebbero attecchire in un presidio Covid”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La nostra proposta è quella di creare un presidio che immaginiamo di 150 posti letto, con tutte le specialità, nella sede dell’ospedale ‘D’Avanzo’, storica sede delle pneumologie. In questo sito proporremo in maniera tecnica di allocare l’offerta delle malattie infettive e sviluppare, sin da subito delle terapie sub-intensive e di rianimazione, ma anche reparti operatori e le principali diagnostiche così da evitare di riproporre cesure all’interno dell’ospedale che, da una parte sono sempre pericolo di contagio, dall’altra interrompono o rallentano la normale vita di un ospedale. Questa è la prospettiva sulla quale stiamo ragionando, da perfezionare in tempi contingentati”, conclude Dattoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ultima ora: rinvenuto cadavere di un uomo

  • Francesco è "grave ma stabile", altre ferite compatibili con un'arma da taglio: è caccia agli autori della violenta rapina

  • Salvini contestato a San Giovanni, replica ai fischi e al coro "scemo, scemo": "Mia figlia di 7 anni più evoluta di voi"

  • Ultima ora: violenta rapina in un bar di Foggia

  • È morto Rocco Augelli

  • Paura sulla Statale 16: auto con due bambini a bordo finisce fuori strada, l'incidente tra Foggia e San Severo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento