Cronaca

I diversamente abili di ‘Riprendere in giro’ da Orta Nova agli studi di Cinecittà

20 diversamente abili dei 5 Reali Siti hanno fatto visita agli studi cinematografici di Roma

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Tappa romana per “Riprendere… in giro – essere il cinema, vivere il territorio”, il progetto della coop. “SocialService” di Orta Nova che coinvolge 20 diversamente abili dei 5 Reali Siti. Dopo il pomeriggio foggiano di qualche settimana fa alla scoperta di una inedita via Arpi (location del film “AAA Achille” di Giovanni Albanese), visita agli studios di Cinecittà alla scoperta del “dietro le quinte” del magico mondo del cinema.

Accompagnati dal Presidente Gerardo Consagro e dai giovanissimi volontari della cooperativa “SocialService”, dell’Associazione “Voce Nostra” di Carapelle e della Parrocchia della Beata Vergine Maria di Lourdes, i ragazzi hanno visitato i set cinematografici di alcune tra le pellicole e le fiction più famose degli ultimi anni. Il tour è partito dalla Broadway di metà Ottocento del film “Gangs of New York” di Martin Scorsese con Leonardo Di Caprio.

Seconda tappa il Teatro 5, lo storico teatro di posa di Federico Fellini, e poi un viaggio a ritroso nel tempo fino all’Antica Roma. Su questo set, fra imponenti templi e massicci colonnati ai ragazzi è stata data la possibilità di vedere dal vivo come si gira la scena di un film con tanto di regista, operatore e macchina da presa, ciakkista, attori e comparse. Ultime location la piazza del borgo medievale di Assisi dove fu girata la fiction “Francesco” con Raoul Bova, e la villetta della famiglia Martini di “Un medico in famiglia”.

E’ stata una giornata all’insegna dell’allegria incontenibile dei ragazzi di “R.I.G.”. Il loro entusiasmo, infatti, ha avuto la meglio anche sulla pioggia che, a tratti, ha bagnato la loro “festa romana”. Con il viaggio a Roma, “Riprendere… in giro – essere il cinema, vivere il territorio” (progetto cofinanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità nell’ambito del “Bando pari opportunità nell’arte, cultura e sport a favore di persone disabili” e finalizzato all’integrazione e socializzazione dei diversabili) si avvia alla conclusione.

Entro maggio, infatti, i ragazzi andranno a Lucera dove fu girato “Le vie del Signore sono finite” di e con Massimo Troisi e vedrà la luce la docu-fiction girata fin dall’inizio del percorso per testimoniare questa avventura che tra cinema, laboratori teatrali e incontri con esperti, ha portato alla riscoperta della diversabilità come “maniera privilegiata” di vedere il mondo e viverlo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I diversamente abili di ‘Riprendere in giro’ da Orta Nova agli studi di Cinecittà

FoggiaToday è in caricamento