"Ora prendo la mazza..!". Terrore e violenze in un asilo di Carapelle: bambini presi a "schiaffi e sculacciate" dalle maestre

La vicenda dell'asilo di Carapelle, per la quale quattro maestre risultano indagate. L’elenco delle vessazioni fisiche e psicologiche commesse è messo nero su bianco nell’avviso di conclusione delle indagini della procura dauna

Immagine di repertorio

L’elenco dei maltrattamenti e delle vessazioni fisiche e psicologiche che quattro maestre avrebbero commesso sui bambini dell’asilo di Carapelle da quattro maestre, è messo nero su bianco nell’avviso di conclusione delle indagini della procura di Foggia. “Con condotte reiterate - si legge in riferimento all’educatrice più anziana - sottoponeva i minori ad atti di violenza fisica, consistiti in strattoni, schiaffi, spinte, colpi sulle braccia, sulla testa e sculacciate. Talvolta li sollevava di peso dalle braccia e li sottoponeva abitualmente a reiterati atti di violenza morale”.

“Raduna i giochi”, intimava ad un piccolo alunno. “La testa te la smonto, maleducati maleducati maleducati.  Raduna qua sennò ti faccio nuovo eh… mo l’aggh accit a quist (ora lo devo uccidere a questo)”. In più di una occasione, inoltre, minacciava il ricorso ad una mazza, che talvolta mostrava con fine intimidatorio.

In un’altra occasione, si legge sempre nel documento della procura dauna, la donna rimproverava una alunna che correva per l’aula dicendole: “Ti ammazzo oggi, eh… oggi ti ammazzo… chissà che ti faccio oggi”, poi rivolgendosi agli altri alunni li sollecitava dicendo: “ditele vergogna”, E i bimbi in coro: “vergogna, vergogna”. E sempre alla classe: “Fatela stare sola là, ditele vergogna tutti quanti”.

In altre occasioni, si rivolgeva agli alunni con epiteti quali “cretino, scema, scimpanzé, porci, bastardo, deficiente”. Anche le altre educatrici sono accusate, a vario titolo, di aver sottoposto i bambini - 12 nel complesso, di età compresa tra i 3 ed i 4 anni - ad atti di violenza fisica consistiti in schiaffetti sul volto, sculacciate, strattoni, colpetti in testa, trascinamenti per le braccia, spintoni, con l’aggravante per tutte di “aver commesso il delitto in danni di soggetti minori all’interno di un istituto di formazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento