Lucera: arrestato 37enne, avrebbe violentato una collega di lavoro

L'uomo è accusato di violenza sessuale. Avrebbe chiuso a chiave l'ufficio della donna e si sarebbe scaraventato contro di lei palpeggiandola nelle parti intime. Medico e testimoni confermano l'accaduto

Immagine di repertorio

I Carabinieri della Stazione di Lucera hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dal Gip del Tribunale di Lucera Dott.ssa Mari, su richiesta del Pubblico Ministero dott. Pasquale De Luca, nei confronti di P.G. 37enne lucerino, accusato di violenza sessuale consumata nei confronti di una sua collega 25enne, sul posto di lavoro.

Ai militari dell’arma la ragazza ha raccontato che la mattina del 05 luglio 2011 si era recata come tutti i giorni presso lo stabilimento dove lavora, un pò prima rispetto al solito. Ad attenderela c’era il suo presunto aguzzino, un collega di lavoro insospettibile che avrebbe approfittato del fatto che in quel momento fossero soli.

Dopo essersi salutati, l’uomo sarebbe entrato nell’ufficio della donna chiudendola a chiave e si sarebbe avventato su di lei. La presunta vittima ha raccontato ai carabinieri di essere stata scaraventata a terra e palpeggiata nelle parti intime.

Le urla della donna avrebbero attirato i colleghi di lavoro. A quel punto il presunto violentatore avrebbe desistito e aperto la porta come se nulla fosse accaduto.

Impaurita e imbarazzata la donna tace, ma ricorre alle cure del Pronto Soccorso e nel pomeriggio si confida con i familiari e con il ragazzo, i quali la spronano a denunciare il tutto. Nel frattempo del fatto viene informata la Magistratura e partono le indagini dei Carabinieri. Vengono ascoltati i colleghi di lavoro ed altre persone informate sui fatti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutte le testimonianze coincidono con le accuse della vittima, anche le risultanze mediche confermano l’accaduto. L’indagato viene quindi tratto in arresto e sottoposto al regime degli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Dovrà ora rispondere di violenza sessuale nei confronti della donna.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento