Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | ‘Il perdono non è sempre concesso’

‘Il perdono non è sempre concesso’, è questo il titolo del nuovo spot dell’associazione ‘Angeli’ interpretato dall’attore Vincenzo Conoscitore, dalla modella e attrice Rosa Fariello, per la sceneggiatura di Matteo Conoscitore, riprese e post-produzione Alessandro Fabiano e per la regia di Anna Rita Caracciolo.

 

Il video è stato realizzato contro la violenza, i maltrattamenti e gli atti persecutori sulle donne, temi delicati, sempre d’attualità e all’ordine del giorno con dati che parlano di cifre in salita in Italia, per quanto riguarda il ‘femminicidio’, ossia l’uccisione di donne da parte di uomini, “prima causa di morte per le donne tra i 16 e i 44 anni”. Spiega la Caracciolo: “Il perdono non sempre è concesso perché non sempre le donne hanno la possibilità di perdonare visto che muoiono prim’ancora di poterlo pensare”.

Già nel 2009 l’associazione ‘Angeli’ fece il suo primo spot dal titolo ‘Io donna’, replicandosi nel 2011 con il successivo ‘Io sono donna’, vdeo proiettato il 25 novembre 2014 durante la trasmissione di Rai1 ‘Porta a porta’ nella serata contro la violenza verso le donne.

Nonostante le continue campagne di sensibilizzazione alla problematica ogni giorno almeno una donna muore per violenza. Tema attuale ripreso dalla regista Anna Rita Caracciolo, che conclude: “Siamo in un epoca invasa dalla tecnologia ed altrettanto vengono diffuse notizie sulla violenza verso la donna e verso gli animali. La donna, meravigliosa nei suoi multipli ruoli nella vita quotidiana. È cosi che prendiamo a cuore le vittime che hanno subito violenze in famiglia e nella coppia. Il video vuol far aprire gli occhi sul tema ormai ricorrente negli ultimi anni, dove anche il ‘troppo amore’ porta alla morte.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento