Vieste, trovati carbonizzati i corpi di Giovanni e Martino Piscopo

Cronaca - Erano dentro un'Alfa 156 Station Wagon. Sarebbero stati prima ammazzati e poi trasportati nella Foresta Umbra, in località Posta Telegrafo tra Peschici e Vieste. Dietro l'omicidio dei fratelli imprenditori potrebbe esserci l'ombra della criminalità

Macabra scoperta questa mattina in località Posta Telegrafo effettuata dai carabinieri della Tenenza di Vieste e dal Corpo Forestale dello Stato. All’interno di un’Alfa Station Wagon sono stati ritrovati i corpi di Giovanni e Martino Piscopo, i due imprenditori garganici di 45 e 51 anni scomparsi lo scorso 18 novembre a poche centinaia di metri dal loro podere.


Stando a una prima ricostruzione, i titolari di “Sfinalicchio”, centro turistico della periferia di Vieste, sarebbero stati dapprima rapiti, poi messi sul lato posteriore dell’autovettura, trasportati nella Foresta Umbra, travolti da una raffica di colpi d’arma da fuoco e successivamente bruciati. Sulla morte dei due imprenditori incensurati si cela l’ombra della criminalità. Ma non si esclude nessuna pista, nemmeno quella della vendetta o della presunta milionaria eredità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento