Cronaca Vieste

Tragedia sfiorata sulla sp 52 per Vieste: turisti in moto coinvolti in un incidente per evitare bovini, solo uno aveva il bottone auricolare

A tal propostio la polizia locale, i carabinieri Parco e il personale del servizio veterinario, hanno sequestrato i quattro bovini poi affidati ad una ditta specializzata in attesa del provvedimento di confisca definitivo che sarà emesso nei prossimi giorni

Nel tentativo di evitare l'impatto con alcuni bovini lasciati incustoditi e liberi al pascolo sulla carreggiata della strada provinciale 52 del Mandrione che collega la città del faro alla Foresta Umbra e al resto del Gargano, due turisti in vacanza a Vieste sono rimasti coinvolti in un incidente stradale a bordo di un motociclo. 

Sul posto sono intervenuti la polizia locale e due pattuglie delle stazioni dei carabinieri Parco Umbra e Vieste. Gli animali sono stati spostati dalla sede stradale e circoscritti in un terreno in modo da liberare la sede carrabile ed evitare situazioni di pericolo per l’incolumità pubblica e la circolazione stradale, molto intensa in questo periodo estivo.

Sono stati altresì allertati il servizio veterinario della Asl e l'ufficio Ambiente del Comune che hanno inviato sul luogo del sinistro rispettivamente un veterinario e un tecnico della prevenzione dell’Asl di Foggia, e il dirigente dell’Ufficio Ambiente del Comune di Vieste.

Dei quattro bovini soltanto è risultato iscritto in banca dati in quanto munito di bottone auricolare. Ai bovini non registrati è stato impiantato un microchip provvisorio al fine di poterne verificare in qualsiasi momento la tracciabilità.

Un episodio analogo ma dalle conseguenze ben più serie era avvenuto il 28 luglio scorso alle porte di Borgo Celano, frazione di San Marco in Lamis. In quella occasione un soccorritore del 118 è finito con lo scooter contro una mucca mentre rientrava dal lavoro (leggi qui).

La normativa in materia di circolazione degli animali sulla strada e abbastanza complessa e varia; in particolare, l’articolo 15 comma 1 lettera E del codice della strada vieta su tutte le strade e loro pertinenze, far circolare bestiame, fatta eccezione per quelle locali con l'osservanza delle norme previste sulla conduzione degli animali. L’articolo 672 del C.P. (depenalizzato dalla legge 689 del 191) prevede sanzioni amministrative per chiunque lascia liberi e non custodisce con le dovute cautele, animali pericolosi o ne affida la custodia a persona inesperta.

Per affrontare problemi del genere è importante intervenire con normative a livello locale, come ha fatto il Comune di Vieste che con l’ordinanza N° 41, che con ordinanza emessa dal sindaco il 18.04.2019, ha stabilito che:“gli animali con o senza microchip o auricolare identificativo, trovati a vagare liberamente senza custodia sulla pubblica strada, o che saranno introdotti nelle proprietà private, saranno sottoposti a sequestro amministrativo nel rispetto di quanto dettato dall’articolo 13 della Legge 24.11.1981 n. 689 Legge di depenalizzazione e custoditi in stalle di sosta o ricoveri opportunamente attrezzati. Gli animali sottoposti a sequestro verranno custoditi in aree e/o strutture idonee, a cura della ditta nominata/convenzionata, nel rispetto delle vigente normativa in materia. Trascorsi 5 giorni si provvederà alla confisca, pertanto il Comune ne disporrà liberamente…omissis…”.

A tal propostio la polizia locale, i carabinieri Parco e il personale del servizio veterinario, hanno sequestrato i quattro bovini poi affidati ad una ditta specializzata in attesa del provvedimento di confisca definitivo che sarà emesso nei prossimi giorni. 

"E’ bene ricordare che, in caso di incidente stradale con coinvolgimento di animali domestici,  la  responsabilità  cade  sul proprietario, ai sensi dell’art. 2025 del Codice Civile. Si invita tutta la cittadinanza a segnalare fenomeni di circolazione di animali sulla strada, soprattutto al fine di evitare incidenti, che in passato purtroppo hanno avuto anche più gravi conseguenze, al fine di tutelare l’incolumità pubblica delle persone ma tutelare anche gli animali coinvolti" il commento del comandante della Polizia Locale di Vieste, l'avvocato Caterina Ciuffreda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sfiorata sulla sp 52 per Vieste: turisti in moto coinvolti in un incidente per evitare bovini, solo uno aveva il bottone auricolare

FoggiaToday è in caricamento