Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca

"Una vita spesa a lottare il racket": a Tano Grasso la cittadinanza onoraria di Vieste

Un prezioso punto di riferimento per la nascita della locale associazione antiracket, alla quale ha assicurato un contributo di esperienza e di condivisione, risaltato tra l’altro nella partecipazione alle udienze dibattimentali dei processi alla mafia garganica

Tano Grasso

Tano Grasso sarà cittadino onorario di Vieste. Domani, 8 giugno alle 11,30, nella Sala Normanna del Castello Svevo di Vieste, infatti, durante la seduta del Consiglio comunale riunito in sessione straordinaria, verrà conferita la cittadinanza onoraria al presidente della Federazione delle associazioni antiracket ed antiusura italiane.

L’attribuzione della cittadinanza onoraria a Tano Grasso - 59 anni, nativo di Capo D’Orlando, in provincia di Messina - giunge quale riconoscimento dell’impegno personale, politico ed istituzionale spintosi dalla fondazione della prima associazione antiracket nella natia Capo d’Orlando, poi profuso in numerosissime iniziative fino alla rappresentanza parlamentare ed ora alla Presidenza della Fai, quale testimonianza di una vita prestata al contrasto del racket delle estorsioni e del prestito ad usura di stampo mafioso. La storia recente e la preziosa conoscenza di tali fenomeni è custodita anche in un ampia pubblicistica patrocinata da una sua collana editoriale, patrimonio inestimabile per le strategie di studio e contrasto della malavita mafiosa.

Per la città di Vieste, Tano Grasso ha costituito un prezioso punto di riferimento per la nascita della locale associazione antiracket Vieste alla quale ha assicurato un notevole contributo di esperienza e di condivisione, risaltato tra l’altro nella partecipazione alle udienze dibattimentali dei processi alla mafia garganica. Si è anche reso promotore ed animatore di iniziative per le quali ha coinvolto l’attenzione di spiccate personalità del mondo politico, della magistratura e della società civile, tutte improntate affinché la tensione nel contrasto ai fenomeni mafiosi si mantenesse sempre all’altezza del pericolo e costituisse un valido supporto agli importanti risultati conseguiti nei mesi scorsi dalle Forze dell’Ordine e dalla magistratura, nonché nell’attesa di loro ulteriori decisivi sviluppi. Nell’occasione sarà presente il Prefetto di Foggia, Massimo Mariani, e numerose autorità tra le quali alti esponenti della magistratura, delle Forze dell’Ordine e della società civile.  


           

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Una vita spesa a lottare il racket": a Tano Grasso la cittadinanza onoraria di Vieste

FoggiaToday è in caricamento