Viavai di gente sospetta: i militari stanano attività di spaccio nell'abitazione di un pregiudicato

L'andirivieni di giovani consumatori nei pressi della sua abitazione ha insospettito i militari, che dopo aver fatto irruzione hanno bloccato sul nascere il tentativo dell'uomo di ostacolare la perquisizione

Incessante ed efficace, continua l’azione di contrasto dei Carabinieri della Tenenza di Vieste al fenomeno del consumo e della vendita di droga. I militari del comune garganico hanno arrestato un 27enne viestano, ben noto alle cronache locali, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e di resistenza a pubblico ufficiale.

L’evidente e sfrontato andirivieni di giovani consumatori nei pressi della sua abitazione non è sfuggito alle pattuglie che quotidianamente svolgono servizio preventivo di controllo del territorio. Infatti, proprio durante quei servizi, nell’arco dell’intera giornata, i militari hanno riconosciuto diversi noti consumatori di stupefacenti aggirarsi intorno all’abitazione dello spacciatore, addirittura vedendoli entrare nel palazzo, trattenersi al suo interno per pochissimi minuti, ed infine uscire poco dopo per poi allontanarsi repentinamente tra le vicine viuzze del centro storico. La palese situazione non lasciava spazio a dubbi: in quel palazzo, molto probabilmente, c’era un centro di spaccio. 

A quel punto, i Carabinieri di Vieste hanno predisposto un servizio di osservazione ed hanno documentato quanto fino a poco prima avevano solo supposto. Mercoledì sera, infatti, certi di scovare lo spacciatore e atteso il momento propizio, dopo aver bypassato le precauzioni adottate dal malvivente, una porta blindata ed il riconoscimento di chiunque dovesse accedere nel palazzo, i militari hanno fatto irruzione all’interno dell’appartamento e, dopo un vano tentativo dell’uomo di ostacolare la perquisizione e di far sparire la droga, lo hanno contenuto e tratto in arresto. A seguito della perquisizione sono state rinvenute oltre 10 dosi di cocaina ed una di hashish pronte per essere vendute, due coltelli ancora intrisi di stupefacente e un bilancino di precisione atti al confezionamento della droga, nonché denaro contate, provento dell’attività di spaccio. L’uomo, arrestato e tradotto presso il Carcere di Foggia, a seguito del giudizio direttissimo è stato poi sottoposto agli arresti domiciliari.

L’operazione di servizio è il risultato della perfetta sincronia tra l’occhio attento delle pattuglie in servizio preventivo e la capacità investigativa dei militari che vivono e conoscono le dinamiche del territorio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento