Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due anni fa la strage di San Marco in Lamis, la vedova Luciani: "Nascosti dietro l'omertà saremo tutti in pericolo"

Partecipata e commossa cerimonia, questa mattina, sul Gargano, nel secondo anniversario dedlla strage di San Marco in Lamis, quando in un agguato di mafia teso ai danni del boss di Manfredonia Mario Luciano Romito e del suo cognato-autista Matteo De Palma, furono uccidi anche due agricoltori, i fratelli Luigi e Aurelio Luciani, vittime innocenti di mafia. Toccanti le parole delle vedove:  "Quel giorno, a terra, poteva esserci chiunque e se ci nascondiamo dietro l'omerta saremo tutti in pericolo.  Nel mio piccolo sono riuscita ad abbattere il muro d'omertà. Quel muro mi ha soltanto illusa e oggi non voglio più aver paura" | LE INTERVISTE

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento