Sabato, 31 Luglio 2021

"L'intervento è durato 10 ore". I medici di Casa Sollievo che hanno salvato la piccola Sesili: "Il tumore occupava 1/4 del cervello"

La piccola paziente, georgiana di 18 mesi, è arrivata in Italia a fine marzo per la verifica del suo stato di salute, definito “grave ed inoperabile” nel suo paese di origine. A 'Casa Sollievo' è stata sottoposta alla delicata operazione grazie ad un "intervento sanitario a carattere umanitario” autorizzato dalla Regione Puglia. A FoggiaToday, il punto di Leonardo Gorgoglione, a capo dell’Unità di Neurochirurgia e di Alfredo Del Gaudio, direttore dell’unità di Anestesia e Rianimazione II | IL VIDEO

Sta meglio la piccola Sesili, la bimba georgiana di 18 mesi arrivata in Italia a fine marzo per la verifica del suo stato di salute, definito “grave ed inoperabile” nel suo paese di origine. Grazie ad un “intervento sanitario a carattere umanitario” autorizzato dalla Regione Puglia, la piccola è arrivata nell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza in seguito ad una risonanza magnetica eseguita in Georgia per una presupposta difficoltà visiva e che aveva evidenziato un voluminoso tumore al cervello non meglio identificato.

Dai primi accertamenti eseguiti dall’Unità di Radiologia e dalle valutazioni degli oncologi di San Giovanni Rotondo è emerso che la massa tumorale occupava circa un 1/4 del volume totale del cervello, una condizione molto rischiosa. "Dopo un’attenta fase di studio e di valutazione dei pro e dei contro, abbiamo deciso di operare subito la piccola per asportare il tumore e scongiurare il pericolo di morte certa, a causa dell’effetto di compressione che la massa tumorale esercitava sul cervello", ha spiegato Leonardo Gorgoglione, che dal 2019 dirige l’Unità di Neurochirurgia di Casa Sollievo (La notizia completa)

Copyright 2021 Citynews

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

"L'intervento è durato 10 ore". I medici di Casa Sollievo che hanno salvato la piccola Sesili: "Il tumore occupava 1/4 del cervello"

FoggiaToday è in caricamento