rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024

Bambino di 11 anni cade dal trattore: il padre simula l'investimento di un'auto pirata

E' successo ad Andria. L’uomo è indagato per lesioni personali stradali ai danni del proprio figlio minorenne e per simulazione di reato

Sta facendo il giro del web il video inoltrato dalla Polizia di Stato di Andria che incastra un uomo di 43 anni ritenuto responsabile di aver simulato, la mattina del 12 luglio, l’investimento del proprio figlio da parte di un pirata della strada. 

Quel giorno, dopo aver portato in emergenza al locale Pronto Soccorso il figlio 11enne, l'uomo ha dichiarato che il bambino era stato investito poco prima da un pirata della strada, fuggito senza prestargli soccorso. Secondo la versione fornita dal genitore, un automobilista investito il figlio mentre stava attraversando la strada. 

Immediate le indagini della Squadra Mobile alla ricerca del presunto pirata della strada, sotto la direzione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani. Tuttavia la versione dell'uomo non aveva convinto i poliziotti, che nel frattempo avevano acquisito alcuni elementi che smentivano la ricostruzione sull'accaduto fatta dal 43enne, che il giorno successivo aveva fornito una ricostruzione dei fatti completamente differente rispetto alla precedente, anche questa non corrispondente al vero.

Le investigazioni in corso hanno consentito poi di appurare la realtà dei fatti. Il bambino stava viaggiando - senza alcun tipo di protezione - seduto sul paraurti di un trattore agricolo guidato dal padre a velocità sostenuta rispetto ai limiti consentiti per il mezzo. Durante il percorso è sobbalzato dal mezzo facendo una rovinosa caduta sull’asfalto.

Il tutto si è consumato ad Andria in una zona della città diversa rispetto a quelle indicate dal padre del bambino nelle due versioni fornite agli inquirenti e ritenute non veritiere. L’uomo è indagato per lesioni personali stradali ai danni del proprio figlio minorenne e per simulazione di reato.

Nei suoi confronti, nei giorni scorsi, gli agenti della Squadra Mobile hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari ed informazione di garanzia emessi dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trani.

Si parla di

Video popolari

FoggiaToday è in caricamento