Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | In fumo 100 ettari dell'Oasi Lago Salso, Pecorella: "Incendio appiccato da mani criminali"

 

Oltre 100 ettari dell'Oasi Lago Salso andate in fumo. Un incendio "appiccato da mani criminali, da imbecilli che continuano a non capire l'importanza di conservare e promuovere questo angolo di paradiso terrestre", spiega il presidente della società, Stefano Pecorella, che si è recato sul posto per appurare l'entità dei danni, le cause dell'incendio doloso e portare sostegno agli uomini di carabinieri forestali, vigili del fuoco ed Arif Puglia schierati sul fronte del fuoco.

"C'è certamente tanta rabbia nel vedere uno scempio di questa portata", continua. "La nostra Oasi può vantare un patrimonio di biodiversità unico nel suo genere e dev'essere il valore aggiunto per un territorio in cerca di rilancio sociale, economico ed occupazionale. Perciò stiamo ragionando da tempo con tutti gli 'attori' pubblici e privati, associazioni di categoria, scuole e mondo associazionistico affinchè quest'area finalmente esca dall'oblio e sia conosciuta e fruibile e che possa essere laboratorio sperimentale di buone prassi in ambito turistico, agricolo, naturalistico, sociale. Formare, informare e diffondere cultura è il miglior antidoto per sconfiggere la cappa di oscurantismo ed ignoranza che alimenta comportamenti e ragionamenti deviati. Questo incendio rappresenta sì una profonda ferita, ma certamente non fermerà il processo di rilancio di Oasi Lago Salso".

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento