Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Lacrime, rabbia e dolore ai funerali di Marco Ferrazzano: "Vola in alto più forte che puoi angelo nostro"

Si sono svolti oggi presso la parrocchia Santo Spirito di Foggia i funerali di Marco Ferrazzano, il 29enne bullizzato morto il 22 gennaio scorso investito da un treno. Mons. Pelvi: "Ciò che spaventa non è la violenza dei cattivi ma l'indifferenza dei buoni"

 

Lacrime e tanto, tanto dolore all'uscita del feretro di Marco Ferrazzano, questa mattina a Foggia presso la parrocchia Santo Spirito. Straziante il pianto e le parole di mamma Enza.

Ad accoglierlo, fuori dalla chiesa, uno striscione e i palloncini con il suo nome fatti volare in segno di vicinanza e amore, quello vero, nei confronti del ragazzo vittima di bullismo, morto investito da un treno alle porte del capoluogo dauno il 22 gennaio scorso: "Vola in alto più forte che puoi angelo nostro, sarai sempre nei nostri cuori". 

Significativa l'omelia di mons. Luigi Pelvi: "La morte di Marco ci lascia un grande insegnamento, il divertimento è virtuale, il dolore no. Lo schermo che protegge gli aggressori non protegge le vittime, ciò che spaventa non è la violenza dei cattivi ma l'indifferenza dei buoni.

La rete digitale non sia un luogo di alienazione che travolge, ma luogo ricco di umanità e fraternità. Non ci sono parole tranne che silenzio e vicinanza.

L'abbraccio va a Marco ma anche ad Alice, ragazzina investita a soli 17 anni. E tutti i ragazzi deceduti che amarono e gioirono e ora sono con Dio. Marco è nel respiro del risorto per sempre"

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento