Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foggia piange e chiede giustizia, applausi e lacrime all'uscita del feretro di Francesco: "Sei andato via troppo presto"

Le immagini video dei funerali di Francesco Paolo Traiano. L'uscita del feretro, gli applausi e il passaggio della salma davanti al bar Gocce di Caffè di via Guido Dorso

 

Una lunga striscia di applausi, quasi interminabile, ha accompagnato questa mattina il feretro di Francesco Traiano all'uscita della chiesa Beata Vergine Maria, dove si sono svolti i funerali del commerciante di 38 anni morto dopo 23 giorni di agonia in ospedale, in seguito alle gravissime ferite riportate nella violenta rapina avvenuta all'interno del bar 'Gocce di Caffè', la mattina del 17 settembre scorso.

Lacrime, dolore e rabbia. "Giustizia, giustizia, giustizia". Lo hanno urlato i foggiani con lo sguardo rivolto alle lettere del suo nome lanciate in volo insieme ai palloncini bianchi. "Te ne sei andato troppo presto" lo striscione dei dipendenti. Sulla bara due sciarpe e una maglia del Foggia, di cui Francesco era grande tifoso.

Toccante il passaggio della salma in via Salvo D'Acquisto davanti al bar Gocce di Caffè, il luogo di lavoro in cui la vittima aveva riposto le speranze del futuro. Un luogo trasformato in un lago di sangue e di lacrime da un manipolo di delinquenti e balordi, contro i quali, qualora venissero identificati, il Comune di Foggia si costituirà parte civile. Lo ha confermato il sindaco Franco Landella.

Durante l'omelia, mons. Vincenzo Pelvi (leggi qui), si è rivolto ai responsabili della morte di Francesco Paolo Traiano chiedendo loro di liberarsi dalla spirale di morte che hanno generato, ma anche a chi ha visto qualcosa: "Chi sa parli altrimenti resta colpevole dell'omicidio".

Il vescovo di Foggia ha esortato i cittadini a reagire "al malessere sociale che respiriamo in questa città". E lanciato un appello: "Foggia reagisci per il tuo futuro. Nelle pieghe della corruzione si nasconde il disprezzo. Ci stiamo abituando alla parola corruzione". E ancora, ha aggiunto, "dove ormai sembra che tutto sia lecito, anche uccidere, arricchirsi con concussioni e corruzioni, ma soprattutto con l'omertà, occorre promuovere rigenerazione di gentilezza, giustizia e verità.

La diretta dei funerali di Francesco Traiano (clicca qui).

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento