menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Clochard in stazione

Clochard in stazione

Fratelli della Stazione: “Clochard muoiono di stenti e di freddo”

"In quella che viene definita la città dei costruttori, del mattone e dei palazzi, ancora una volta il Comune non attua il Piano di Emergenza Freddo"

Un video per denunciare le difficili condizioni di vita dei senza fissa dimora di Foggia, di chi dorme nelle sale della stazione ferroviaria o nei casolari diroccati della città. Un video per ricordare – sostengono I Fratelli della Stazione - che anche quest’anno il Comune di Foggia non ha adottato un Piano di Emergenza Freddo dimostrandosi, ancora una volta, “incapace di individuare una struttura da adibire a dormitorio pubblico durante i mesi più freddi dell’anno”.

Sono trascorsi 100 giorni dall’ultima ‘Notte dei Senza Dimora’ e l’amministrazione comunale non ha individuato un locale, uno spazio, un tetto da attrezzare per l’accoglienza, seppur momentanea. “In quella che viene definita la città dei costruttori, del mattone e dei palazzi, questa incapacità di pianificazione ha l’amaro sapore del paradosso” aggiungono.

Dopo la morte di Mohand, Giuseppe, Silviu, Daniel ed Eugenio, viene da chiedersi chi sarà il prossimo clochard a morire di stenti e di freddo.

IL VIDEO DENUNCIA

Per scongiurare questo, l’associazione Fratelli della Stazione, la redazione di FogliodiVia e gli Avvocati di Strada, chiedono ai mezzi di informazione di sostenere la campagna di informazione sociale sui disagi abitativi dei senzatetto, contribuendo così alla diffusione del filmato e alla sensibilizzazione delle istituzioni locali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento