rotate-mobile
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Ladro per fame', preso con due scatole di tonno e un uovo Kinder: "Lo ha fatto per necessità"

Resta in carcere perchè non ha un domicilio. Indipendentemente dalla colpa e dalle attenuanti del caso. Un paradosso della legge italiana sancito da numerose sentenze della Cassazione, che trova riscontro in un recente caso di cronaca, avvenuto a Foggia. "Ovvero, un furto di beni alimentari in una condizione di evidente stato di necessità", sintetizza l'avvocato Gianluca Saponaro del foro di Foggia.

Saponaro - difensore d'ufficio del 34enne di nazionalità marocchina arrestato lo scorso sabato notte, all'interno di un locale attiguo ad una casa custodiale alla periferia di Foggia - non ha dubbi: "è stato un furto per fame". L'uomo, che non si è opposto all'arresto da parte della polizia, comparirà il prossimo 11 dicembre dinanzi al giudice, per la prima udienza del processo a suo carico, con rito abbreviato. "Risponderà del reato di furto, e non della violazione di domicilio o di altre aggravanti", puntualizza il legale.

"Non sono state rilevate effrazioni, forse la porta era aperta", continua. Anche il coltello che gli è stato trovato dietro la schiena è risultato essere uno di quelli presenti nel locale adibito a cucina, quindi preso per difendersi, più che per offendere. Fatto sta, che i proprietari di casa hanno trovato il 34enne nella loro proprietà, la polizia lo ha sorpreso mentre consumava del cibo e nelle tasche gli sono state trovate delle scatole di tonno e un uovo Kinder. Al momento dell'irruzione della polizia, lo stesso era ferito e sanguinamente: mostrava un taglio verticale sulla fronte per il quale è stato medicato con dei punti di sutura.

Il 34enne, è emerso, è in Italia da due anni e mezzo, "regolare sul territorio italiano e incensurato", sottolinea l'avvocato. Il suo domicilio è una aiuola in piazzale Vittorio Veneto, nei pressi della stazione ferroviaria di Foggia. Motivo per il quale il giudice ha confermato la misura cautelare in carcere. "Il paradosso è questo - continua l'avvocato Saponaro - c'è una giurisprudenza ricorrente che tollera l'applicazione della misura più grave (ovvero il carcere) in mancanza di domicilio o dimora. Si auspica che il magistrato compente possa quanto prima rilevare il venir meno delle esigenze cautelari, lasciando decadere la misura e, attraverso il processo, arrivare a sentenza di proscioglimento trattandosi di un furto di beni alimentari in evidente stato di necessità".

Video popolari

'Ladro per fame', preso con due scatole di tonno e un uovo Kinder: "Lo ha fatto per necessità"

FoggiaToday è in caricamento