rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Doping tra body-builder, l'appello: "Attenti a non cadere nella rete di presunti preparatori atletici"

Tra sostanze dopanti di dubbia provenienza e stabilizzatori ormonali per animali ma destinati ad atleti e body builder della zona. E’ questo il quadro che emerge dalle indagini di polizia e guardia di finanza, coordinate dalla Procura di Foggia, scaturite dalla morte di Giovanni Racano, culturista foggiano di 30 anni. All’esito dell’operazione “Spartacus”, quattro persone sono finite ai domiciliari per violazioni della normativa antidoping e commercio di farmaci attraverso canali diversi dalle farmacie aperte al pubblico (qui i nomi). L'appello della guardia di finanza: "Questa volta la segnalazione è arrivata da un genitore disperato per la morte del figlio. State attenti, perchè una volta che si entra in una determinata forma mentis è facile cadere nella rete di presunti preparatori atletici e allenatori". IL VIDEO

Video popolari

VIDEO | Doping tra body-builder, l'appello: "Attenti a non cadere nella rete di presunti preparatori atletici"

FoggiaToday è in caricamento