Parco via De Petra, incendio sterpaglie danneggia pavimentazione e arredi

Ignoti avrebbero dato fuoco a un cumulo di sterpaglie, danneggiando la pavimentazione e gli arredi vicini. Ora non resta che un cumulo di macerie nere. Gadd: "Da "Monumento all'Incoerenza" a "Monumento incendiato""

Un'immagine dell'incendio

Questa è la storia di un giardino abbandonato di periferia. Un giardino "concesso" alla comunità dai costruttori che cementificarono quel quartiere. Terra di nessuno, sulla quale l'azione dei vandali e dell'usura delle stagioni hanno steso un velo di scempio” è la definizione de Gli Amici della Domenica a quello che hanno chiamato “Monumento all’incoerenza”, ribattezzato oggi “Monumento incendiato”

Dal mese di novembre, il GADD, armato di buona volontà e mezzi di fortuna, sta provando a sollevare il velo di scempio dal parco verde di Via de Petra.

L’intenzione è di ripulirlo dall’immondizia e dall’erba incolta "per accendere un faro su una delle tante realtà di cattiva gestione delle aree verdi presenti nella nostra città e proporre la riscoperta di un bene comune." Sono ben tre gli interventi portati a compimento fino ad oggi (uno dei quali al freddo e sotto una pioggia battente).

Il 27 novembre i componenti del gruppo, dopo aver separato umido, plastica e vetro, hanno preparato piccoli mucchi di sterpaglie e acceso piccoli fuochi controllati per eliminare gli scarti, prestando la massima attenzione alla pavimentazione ed agli arredi. A quel punto è sopraggiunta una pattuglia dei Vigili Urbani. Dopo aver spento i focherelli la domenica successiva Gli Amici della Domenica sono ritornati sul posto e hanno accatastato la sterpaglia in un punto ben raggiungibile, invitando l'Amica a ritirare il cumulo di spazzatura.

Trascorso un mese, quel cumulo che il Gadd definì “Monumento all'Incoerenza”, non è stato ancora rimosso. Nella mattinata di oggi ignoti avrebbero dato fuoco a quel cumulo di sterpaglie, danneggiando la pavimentazione e gli arredi vicini.

Il Gadd si è dissociato prontamente dall’accaduto: “E' mancato ancora una volta lo spirito di cooperazione fra cittadini e istituzioni, quello spirito che avrebbe permesso, almeno una volta, di alimentare fiducia e coesione della comunità.

Ora sul parco giochi di Via De Petra resta un cumulo di macerie nere, il pavimento danneggiato e l'amarezza di tanti cittadini che si sono spesi con le proprie forze per cercare di dare un contributo alla propria città. “Anche la rabbia per il silenzio delle istituzioni che non hanno saputo comprendere, raccogliere un segnale, alimentare una speranza. Chi pagherà oggi tutti questi danni?” tuona il gruppo.

Tutto ciò, accade alla vigilia dell’ inaugurazione del “Parco Giochi - San Felice” il cui ripristino è stato possibile grazie all’impegno dei cittadini e per effetto di una raccolta fondi. “Il sudore, la fatica e il sacrificio offerto dai cittadini e residenti valgono forse meno di una raccolta fondi?” concludono Gli Amici della Domenica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento