Vertenza Inside, Bordo: “Strano gioco di scatole cinesi”

I ministeri del Lavoro e dello Sviluppo devono intervenire nella vertenza”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

michele-bordo-7879-1_original“Amministratori e proprietari della Inside continuano ad evitare il doveroso confronto con oltre un centinaio di padri di famiglia privati dello stipendio e del futuro”. E’ l’amaro commento di Michele Bordo, deputato del PD, che annuncia un’interrogazione parlamentare per sollecitare i ministri del Lavoro e dello Sviluppo economico a “intervenire per favorire la soluzione della vertenza che interessa una società che ha beneficiato di ingenti quantità di fondi pubblici”.

Gli operai in cassa integrazione straordinaria da oltre un anno attendono le spettanze del primo quadrimestre 2012 e la tredicesima del 2011 e “ciò che è peggio, non hanno più notizie degli amministratori della società né indicazioni sui futuri programmi aziendali – continua Bordo – Il trasferimento di alcuni dipendenti in altri siti produttivi, anche all’estero, fa emergere uno strano gioco di scatole cinesi che interessa società dello stesso gruppo economico.

Hanno pienamente ragione le organizzazioni sindacali a sostenere che ci sia materiale sufficiente a motivare un intervento ispettivo sull'azienda delle istituzioni competenti – prosegue Michele Bordo – e l’attivazione di un tavolo di confronto a livello ministeriale per indurre la società proprietaria dell’impianto manfredoniano a rispettare gli obblighi assunti verso i lavoratori. L'impegno del Governo - conclude Bordo - è necessario anche per contribuire ad affrontare con strumenti più efficaci la grave crisi vissuta dal gruppo Bolici, ed in particolare dalla Inside, così da garantire il futuro di tutti i lavoratori”.

 

 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento