Martedì, 26 Ottobre 2021
Cronaca

A pesca di carpe nel vascone, scivola e muore: 45enne annega a Passo Breccioso

Sul bordo del vascone è rimasta solo la canna da pesca ed un secchiello con quanto raccolto: il bracciante agricolo di nazionalità bulgara e di 45 anni è stato recuperato privo di vita dai sommozzatori di Bari e dai vigili del fuoco

Si è allontanato per pescare, ed è sparito nel nulla. Inghiottito nelle acque di un vascone irriguo grande circa 10mila mq, in località Passo Breccioso, a poche decine di chilometri da Foggia. La tragedia si è consumata ieri: sul bordo dell’invaso era rimasta solo la canna da pesca ed un secchiello con quanto raccolto.

Ma del bracciante agricolo di nazionalità bulgara, invece, nessuna traccia: Marin Iliev, di 45 anni, è scivolato nel canale per un incidente o per un malore. E poi non sarebbe più riuscito a riemergere. Il suo corpo privo di vita è stato recuperato poco dopo le 23 di ieri, dai sommozzatori di Bari, che hanno scandagliato l’invaso insieme ai vigili del fuoco del comando provinciale di Foggia.

A dare l’allarme sono stati, nel pomeriggio di ieri, alcuni connazionali che volevano raggiungere lo stesso in località Passo Breccioso, ma non hanno trovato anima viva. Secondo quanto ricostruito, l’uomo si era avviato verso Passo Breccioso armato di canna ed esche, poco dopo le 13.30 di ieri, ovvero nel momento di massima calura estiva, e lì aveva iniziato una pesca fruttuosa.

Sapeva bene di trovare numerose carpe dell’invaso, di quelle che vengono immesse in estate per evitare la formazione di alghe sul fondo. Ma quando i suoi colleghi braccianti sono arrivati sul posto, di lui non vi era alcuna traccia. L’uomo era già deceduto per annegamento. Sul posto, insieme agli uomini del 115, anche gli agenti della questura di Foggia per gli accertamenti del caso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A pesca di carpe nel vascone, scivola e muore: 45enne annega a Passo Breccioso

FoggiaToday è in caricamento